Tanto tempo dall'ultima newsletter, e tante cose da dirsi. Sulle cose fatte. Troppe per riassumerle in una newsletter.

RISPARMIO ENERGETICO

Continuiamo a lavorare sulla strada del risparmio energetico, quindi della riduzione dei costi dell'energia oltre che dell'inquinamento. Nelle settimane scorse abbiamo deliberato l'avvio della procedura per individuare una ditta che provveda all'efficientamento della rete pubblica, cioè alla realizzazione di interventi tecnologici che possono rendere la rete elettrica dell'illuminazione pubblica più moderna, ad esempio installando lampade al led o mettendo dei riduttori di flusso nei quadri elettrici. La ditta potrà ricavare un utile per i suoi investimenti attraverso la condivisione del risparmio che il comune otterrà sulle bollette. Speriamo che la procedura veda delle ditte interessate (normalmente lo sono) ed anche questo, dopo l'installazione dei pannelli fotovoltaici sui tetti degli edifici pubblici e le richieste di finanziamento per il geotermico, sarà un passaggio di modernizzazione per Paternò.

DALLE EMERGENZE AI PROGETTI

Rieccoci con la newsletter dopo un lungo intervallo, fatto di giorni e settimane in cui perfino trovare il tempo per scrivere una pagina di newsletter è stato difficile. Ma sono stati giorni e settimane, quelli di settembre ed ottobre, fitti di lavoro su tanti versanti, di cui riprenderò solo alcuni punti.

BUONE VACANZE

Buone vacanze, per chi deve andarci, e buon rientro, per chi c'è stato.
In ogni caso agosto è il mese in cui ci si può soffermare qualche ora a pensare, alle cose fatte, a quelle da fare. I problemi non vanno in vacanza, ma dopo un anno passato a lavorare a ritmi incredibili, qualche giorno di riposo ci vuole, ed io l'ho passato in compagnia della mia famiglia, soprattutto, e di qualche libro. E con un occhio al mondo della scuola, perchè agosto è il mese in cui chi lavora a scuola si occupa del nuovo anno, il mese dei trasferimenti, dell'organizzazione, anche dei progetti... Ed io continuo ad avere dentro di me l'orologio dell'insegnante.
Ma passiamo alla cronaca amministrativa.

PIAZZA ALDO MORO

Se qualcuno si chiede ancora dove è, si tratta della piazza che c'è prima del terzo circolo, le cossidette “Scuole Coniglio”, dato che tutta la zona in cui sorge quel quartiere era di proprietà della famiglia dei nobili Coniglio, famiglia siciliana ricchissima e molto potente fino ad alcuni decenni fa. Quella piazza fino ad alcuni mesi fa era assolutamente degradata, piena di erbacce, con l'illuminazione mal funzionante, una ringhiera divelta, sporchissima. L'indignazione dei residenti è diventata energia propositiva, hanno iniziato un lavoro di bonifica volontario, che ha stimolato il comune a fare il ripristino dell'illuminazione, della fontanella, della ringhiera. Un lavoro di collaborazione stretto curato in particolare dall'assessore Borzì che ha dato il suo frutto, facendo ridiventare Piazza Aldo Moro un luogo di socialità, d'incontro, vivo di bimbi in bici, anziani e famiglie che trascorrono là le sere estive. Il culmine è stato la collocazione di una statua di S. Barbara, il 19 luglio, con una partecipatissima cerimonia. 

Quando guardo la piazza, la sua vivacità, penso che qualcosa è proprio cambiato, perchè non solo la condizione materiale della piazza è migliorata, ma la sua percezione come BENE COMUNE. 

se ha bisogno di ulteriori informazioni, sentiti libero di contattarmi

Biografia

Sono nato nel 1970. Vivo a Paternò, città di cui sono stato sindaco dal 2012 al 2017. Laureato in lettere classiche, insegnante per molti anni (un lavoro bellissimo), adesso dirigente scolastico.
Ho iniziato il mio impegno ecclesiale nei gruppi francescani, di cui ancora faccio parte, quello politico nella Rete, negli anni '90, insieme a quella generazione di siciliani che si è persuasa di riuscire ad assistere alla fine della Mafia, e perfino di contribuirvi. Lo penso ancora.
Mauro Mangano

Ultimi articoli

Disavanzo ATO

Il documento che...

Ode al 2%, più o meno

La crisi di governo con...

I DUE PESI E LA MISURA (ovvero, cosa NON fa un...

Non ho mai sentito mio...