Il documento proposto dalla commissione episcopale per i problemi sociali e il lavoro, la giustizia e la pace quest'anno in occasione della 9° giornata per la custodia del creato è molto interessante e davvero ricco.

            Per evitare che si riduca al tema dell'ecologia e dell'ambiente (che non sarebbe poco, comunque) il documento inizia non un riferimento chiaro: “Si spergiura, si dice il falso, si uccide, si ruba, si commette adulterio, tutto questo dilaga e si versa sangue su sangue. Per questo è in lutto il paese e chiunque vi abita langue, insieme con gli animali selvatici e con gli uccelli del cielo; persino i pesci del mare periscono”. Insomma crisi morale, materiale, e cura degli esseri viventi sono inscindibili. Custodire il creato non significa allora solo proteggere gli spazi naturali, ma prendersi cura di tutto ciò che esiste, a partire dall'uomo, ogni uomo, dalle città, nel loro insieme, per continuare con gli ecosistemi, i paesaggi, le specie viventi e la loro ricca diversità.

01 Set 2014

Mauro Mangano Sindaco

Newsletter

Devi prima registrarti per poterti iscrivere ad una newsletter.
No account yet? Register
Terms and Condition

Compila il form d'iscrizione alla newsletter. Tutti i campi contrassegnati con un asterisco (*) sono obbligatori. Inserisci un indirizzo e-mail valido. Riceverai un messaggio di conferma iscrizione alla newsletter.


Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti.