PER L'ACQUA BENE COMUNE, INVESTIAMO IN CIVILTA', INFRASTRUTTURE, BUONE ABITUDINI!

Nel 2011 siamo stati chiamati alle urne per un referendum molto importante per il nostro futuro. Uno dei quesiti chiedeva se volevamo che l’acqua fosse considerato un bene pubblico. I “sì” giunsero a valanga. Oggi, a distanza di quasi 5 anni, ripartiamo da quel referendum per dire, ancora una volta, che l’acqua è un bene DI TUTTI e che, come tale, deve essere trattato con il massimo riguardo. Questo vuol dire, innanzitutto, niente sprechi. Ce lo chiede anche l’Unione Europea: basta con le tariffe basate sul “minimo impegnato”, ovvero una soglia massima di consumo, peraltro alquanto elevata, entro la quale la tariffa per il servizio idrico resta uguale per tutti, non importa se il cittadino è un parsimonioso utilizzatore dell’“oro blu” oppure uno sprecone.

Per Paternò, poi, in un territorio abbastanza ricco di acqua, il concetto di bene pubblico significa liberarsi dalla spesa che si fa per attingere acqua dai pozzi privati.

04 Mar 2015

Paternò. Sui costi del Consiglio Comunale interviene il primo cittadino Mangano: «Ci vuole una risposta chiara sul tema della riduzione delle spese, non le solite chiacchiere».

«E’ giusto che si faccia chiarezza in merito ai costi delle Commissioni Consiliari e delle sedute del Consiglio Comunale, ma soprattutto ci siano delle proposte concrete.». A dirlo è il sindaco di Paternò, Mauro Mangano, intervenendo sulla questione relativa ai compensi percepiti dai consiglieri comunali per le riunioni di commissione e le sedute dell’Assise Civica, ai quali si aggiungono la quota di rimborsi ai datori di lavoro, nel caso in cui gli incontri avvengano in orario d’ufficio. «Non basta discutere se il lavoro del Consiglio è importante o no –aggiunge il primo cittadino–, di questo ciascun consigliere risponde agli elettori, credo invece che il Consiglio debba decidere come fare, se può, per ridurre le spese, oppure dire con chiarezza che ciò non è possibile.

23 Feb 2015

Si, € 585.779,75.

            Una cifra importante, anzi importantissima. L'importo che è stato speso dal comune per realizzare lavori attraverso cottimi fiduciari, quindi preferibilmente con ditte che operano nel territorio di Paternò.


€ 585.779,75 che abbiamo quindi investito dando lavoro nella nostra città
. Sono fatti, sono uno dei pochi modi immediati e concreti che il comune ha di produrre ricchezza. E lo stiamo utilizzando alla grande. Quando vado nei cantieri a seguire i lavori che si svolgono sono felice di vedere operai e imprenditori della nostra città, che mettono un impegno doppio, perchè non solo svolgono il loro lavoro con professionalità, ma sanno che il comune ha voluto con forza che a fare quel lavoro fosse una ditta locale, e quindi dobbiamo dimostrare anche che sarà fatto superbene.

15 Feb 2015

Forse i genitori che ogni giorno accompagnano i loro figli a scuola si saranno accorti delle nuove strisce pedonali che abbiamo fatto realizzare su alcune strade della città, visto che molte di queste si trovano proprio davanti agli edifici scolastici. Come tutte le strisce pedonali sono bianche, ma hanno anche un fondo colorato di blu, che le rende più allegre e visibili anche a distanza.

13 Feb 2015

Per non perdere l'abitudine, riparliamo di tasse comunali, perché oggi c’è una notizia importante, ovvero che il Comune ha incassato circa 4.270.000 euro, provenienti dall’Imu, l’imposta sugli altri fabbricati. Cosa significa questo?

            Significa che i dati ufficiali sulle entrate IMU, derivanti dai calcoli effettuati dagli Uffici comunali e dalle informazioni che riceviamo dal Ministero, superano di appena 100.000 euro quanto avevamo preventivato.

26 Gen 2015

Carissimi amici,         

Da alcune settimane non arriva la solita newsletter perché abbiamo pensato di modificare l'impostazione della rassegna settimanale, e stiamo lavorando ad un sistema di comunicazione un po' diverso, magari un po' più dinamico e fruibile.

Intanto qualche riflessione personale.

19 Gen 2015

Paternò. Proroga sul servizio rifiuti, la risposta del sindaco, Mauro Mangano, alla richiesta del Presidente del Consiglio, Laura Bottino, di riferire in aula.

19 Gen 2015

            Una volta ciò che accadeva nel mondo era importante, agitava le coscienze e perfino la lotta politica. Ho ancora un nitido ricordo di quando, da studenti, sfilavamo per il disarmo nucleare, o organizzavamo dibattiti sulla vicenda dei desaparecidos argentini (le matite spezzate). Il senso era che la riflessione su ciò che accade altrove è anche riflessione sulla società in cui viviamo, ben prima che arrivasse la globalizzazione già pensavamo (ed in questo la sinistra ed il pensiero marxista è stato certamente precursore) che non è possibile pensare di elaborare un progetto politico chiuso nei confini di uno stato. Ma anche che il tema della libertà civile, ad esempio, violata da una dittatura sudamericana, era un monito anche per noi, così come il tema della segregazione razziale in Sudafrica.

18 Gen 2015

            La storia inizia addirittura nel 2013, quando il Comune di Paternò conferma l'impegno ad assumere ogni onere riguardante gli uffici del giudice di pace pur di mantenerne la sede a Paternò. Ogni onere significa tutte le spese di funzionamento e il personale necessario perchè l'ufficio funzioni.

11 Gen 2015

Una città a misura di bambino è una città che garantisce spazi per il ritrovo, il gioco, la socializzazione. È una città che non dimentica che la cultura e l’istruzione non esistono soltanto all’interno delle mura scolastiche, ma che trova sempre occasioni utili per l’apprendimento e l’educazione. È una città che sa farsi piccola per riuscire a osservare la realtà dalla prospettiva dei bambini, per comprenderne a fondo i bisogni e i desideri. È una città che investe sui propri figli, che rappresentano il suo presente e il suo futuro.

04 Gen 2015

Mauro Mangano Sindaco

Newsletter

Devi prima registrarti per poterti iscrivere ad una newsletter.
No account yet? Register
Terms and Condition

Compila il form d'iscrizione alla newsletter. Tutti i campi contrassegnati con un asterisco (*) sono obbligatori. Inserisci un indirizzo e-mail valido. Riceverai un messaggio di conferma iscrizione alla newsletter.


Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti.