Articoli filtrati per data: Novembre 2019 - Mauro Mangano
20 Nov 2019

Scelte

Federazione dei Verdi

            L'impegno politico è una parte indissolubile della mia vita quotidiana, lo è da quando ero ragazzino, nelle associazioni e nei movimenti giovanili dei partiti, fino alla mia candidatura al consiglio comunale nella Rete, nel 1993. A dire il vero, di tutte le formazione politiche in cui ho militato, la Rete resta quella in cui ho vissuto l'esperienza più bella ed entusiasmante di una vera comunità politica.

            Ho vissuto le trasformazioni della sinistra della fine degli anni '90 ed ho partecipato con entusiasmo alla nascita del Partito Democratico guidato da Walter Veltroni, nel quale molti di noi hanno creduto si realizzasse la sintesi di una storia di sinistra moderna, che superava gli schemi del novecento per guardare in faccia i problemi e le prospettive della società liquida, digitale, globalizzata e tanto, tanto, diseguale, nella quale viviamo. Ma l'entusiasmo di quegli anni si è spento progressivamente dinanzi alla pratica di un partito che solo sporadicamente ha saputo mantenere le promesse iniziali, mentre più spesso ha preferito fare scelte al ribasso, guidate da motivazioni di pura tattica politica, di opportunità o presunto realismo. E quella che era comunque una grande comunità politica è diventata invece un'aggregazione di piccoli gruppi organizzati attorno a leader locali o nazionali, in cui la fedeltà ai capi è diventata l'unico criterio di scelta dei gruppi dirigenti, la militanza e il confronto non esistono più.

Pubblicato in Diario Politico

NAPOLI, 8 NOVEMBRE 2019

            L’esame delle proposte di intesa sull’autonomia differenziata riguardo la scuola inducono a fare tre ordini di considerazioni.

            Il primo è di carattere, per così dire, burocratico-amministrativo, cioè l’esame di quali competenze sono attualmente decentrate e quali centralizzate e come le intese proposte cambierebbero lo stato attuale di cose. La riforma del titolo V della Costituzione ha già collocato l’istruzione tra le materie di competenza concorrente, cioè tra quelle materie la cui competenza non appartiene esclusivamente né allo stato né alla regione. La legislazione attuale precisa altresì che le competenze riguardo l’organizzazione della rete scolastica sono certamente regionali, mentre quelle che riguardano i servizi per l’inclusione e il diritto allo studio appartengono agli enti locali, comuni e provincie, oltre che alle stesse regioni. La forza di queste norme è dimostrata dal frequente ricorso  alla Corte Costituzionale da parte delle regioni, per contestare la legittimità di norme statali su aspetti riguardanti appunto l’edilizia scolastica, l’assegnazione di fondi ministeriali sul territoriali, l’organizzazione di servizi.

Pubblicato in Diario Politico

Mauro Mangano Sindaco

Newsletter

Devi prima registrarti per poterti iscrivere ad una newsletter.
No account yet? Register
Terms and Condition

Compila il form d'iscrizione alla newsletter. Tutti i campi contrassegnati con un asterisco (*) sono obbligatori. Inserisci un indirizzo e-mail valido. Riceverai un messaggio di conferma iscrizione alla newsletter.


Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti.