Dantedi

Un gioco, se volete, un...

Didattica da toccare

- Didattica è il...

Sradicamenti immemorabili

Ovvero di come la...

Quando la vita ti viene a trovare

Lucrezio, Seneca, due...

Il virus della rimozione covid-3 (o come non...

- Il virus della...

IN VIA

Il virus della rimozione covid-3 (o come non...

- Il virus della rimozione. Credo appartenga allo stesso ceppo del virus del fatalismo, ma è più...
Read More...

Il virus della sopravvivenza covid-2 (o come il...

- Chiusi a casa, regrediti psicologicamente nel grembo domestico, con una vaga sindrome da...
Read More...

Il Virus del fatalismo - covid-1 (o come...

- La rivelazione del fatalismo. È riassunta nella diffusione della frase “Andrà tutto bene”. Una...
Read More...

Il virus rivelatore - covid-0 (o come il virus...

- L'esplosione della pandemia del virus covid-19 è un evento drammatico ed epocale. Uno di quei...
Read More...

Autonomia differenziata, regionalizzazione...

NAPOLI, 8 NOVEMBRE 2019 L’esame delle proposte di intesa sull’autonomia differenziata riguardo la...
Read More...

Scelte

Federazione dei Verdi L'impegno politico è una parte indissolubile della mia vita quotidiana, lo è...
Read More...

Accogliere è crescere

Ho letto su alcuni organi di informazione che a Paternò dovrebbe essere aperto un centro di...
Read More...

Pozzo Currone

Riqualificata la zona mercatale di Pozzo Currone Un finanziamento europeo, di qualche anno fa, ha...
Read More...

Operazione “The end”

L’Amministrazione comunale paternese esprime soddisfazione per la sentenza dell’operazione “The...
Read More...

IN CLASSE

Dantedi

Un gioco, se volete, un modo per stare insieme, anche distanti, nel nome di Dante e della poesia.
Read More...

Didattica da toccare

- Didattica è il termine con cui indichiamo la pratica dell'insegnamento. È anche il nome che...
Read More...

IN PAGINA

Quando la vita ti viene a trovare

Lucrezio, Seneca, due scrittori diversissimi, catalogati nelle distanti fazioni di stoici ed...
Read More...

Il taccuino di Bento

di John Berger La protesta non è innanzitutto un sacrificio fatto in nome di un futuro diverso e...
Read More...

Il gioco del silenzio

di Carlo Sini Più riguardo a "Il gioco del silenzio". Una grande, compatta, pulita riflessione sul...
Read More...

Il tempo è un bastardo

di John Berger Il tema non è originale: il tempo passa, e trasforma ogni cosa. Il romanzo di...
Read More...

Da a a x. Lettere di una storia

di John Berger La tensione lirica di questo libro è molto alta, berger sa unire delicatezza e...
Read More...

Congedo ordinario

di Gilberto Severini La storia di un uomo letta alla luce di un'unico costante filo conduttore,...
Read More...

La preghiera semplice di Francesco

di L. Boff - Cittadella editrice La cosiddetta Preghiera Semplice non è stata scritta da...
Read More...

Un libro, ogni tanto

Arriva il 15 agosto anche per poter leggere un libro, tutto in una volta, come si faceva un tempo....
Read More...

A cosa servono gli amori infelici?

DI G. Severini - Playground Bel libro, una scrittura solida, tranquilla, che non cerca effetti...
Read More...

La ministra Gelmini ha affermato che taglierà 85.000 insegnanti e organizzerà corsi per migliorare la qualità degli insegnanti del sud, che abbassano lo standard della scuola italiana. La ministra ha letto i risultati della ricerca OCSE, che hanno evidenziato una preparazione più scarsa degli studenti del sud ripsetto al resto d'Italia. La Gelmini non ha pensato che al sud non esiste nessuna struttura efficiente per la formazione professionale, quindi nella scuola superiore affluisce anche un'utenza di studenti che in altre regioni si indirizza subito al canale della formazione e dell'apprendistato.

E nemmeno che le potenzialità strutturali delle nostre scuole sono molto inferiori a quelle delle scuole del nord, e nemmeno che il livello di apprendimento di un ragazzo non è solo merito-demerito della scuola ma anche della condizionale socio-economica e familiare in cui il ragazzo vive.
Forse la ministra non ha neanche riflettuto (a quanto ci risulta) su un possibile nesso tra l'ignoranza dei meridionali e le loro preferenze per il centro-destra. E che dire di chi dovrebbe formare questi ignoranti meridionali, saranno ovviamente insegnanti settentrionali, insomma una maestosa opera di inculturazione etnica degna di Stalin e Mao (non ho nessuna intenzione di paragonare Mao alla Gelmini, era così per dire). 

Infine: ho imparato da un vero insegnante che i docenti non hanno solo il compito di trasmettere saperi, ma anche di rappresentare lo stato, la sua cultura, la civiltà, educare al senso delle istituzioni. Ma come ci si può chiedere di rispettare questi uomini e queste istituzioni?

Commenti (vecchio sito):

Re: cattivi maestri Da valeriobuemi a 29/08/2008 10.26
 
Il decreto ministeriale sulla scuola approvato ieri dal C.d.M. aggiunge a mio avviso un ulteriore tassello alla costruzione di uno stato neo-autoritario in Italia. Questo governo e la cultura(?) politica che lo sostanzia hanno l'obiettivo dichiarato di demolire tutte le conquiste democratiche e di civiltà che i movimenti progressisti italiani hanno ottenuto dal 1968 in avanti. Le numerose interviste nelle quali i ministri di questo governo hanno addossato alla temperie culturale nata dalla stagione delle lotte sociali e culturali dei movimenti studentesco e operaio la causa di tutti i mali dell'Italia contemporanea, ci consentono di comprendere l'attitudine manipolativa dei neo-conservatori italiani nei confronti della storia contemporanea italiana (dalla Resistenza fino ai fatti del G8 di Genova) e la ferrea volontà di questo governo di fare tabula rasa di qualsiasi cultura politica che si ponga come obiettivi la giustizia sociale, l'eguaglianza e il superamento dell'oscurantismo culturale.<br>Si sostiene con sfacciata disonestà intellettuale che il voto di condotta e la trasformazione del consigli d'istituto in un organo di supervisione disciplinare possano arginare il bullismo; forse qualche ministro leghista proporrà di imitare il "civile" Texas, dove i docenti sono stati autorizzati a recarsi a scuola armati. Nessuno dei nostri governanti però si pone il problema del tremendo disagio psicologico e culturale che attanaglia gli studenti italiani, nessuno pensa a trasformare la scuola in un luogo di sapere autentico e costruzione di sistemi sociali virtuosi e solidali. L'obiettivo della destra è quello di trasfomare le scuole pubbliche in riformatorii per futuri precari e morti sul lavoro. Tanto i figli della classe dirigente andranno in levigate scuole private, dove quattromila anni di civiltà mediterranea saranno umiliati dalla barbarie del profitto ad ogni costo, del razzismo sociale e della società gerarchica.<br>Concludo esprimendo la disponibilità del circolo "A. Gramsci" del PRC di Paternò a collaborare col PD alla costruzione di iniziative sul nostro territorio volte a ribadire la necessità di una scuola democratica,laica e capace di essere forza di progresso sociale e civile per la nostra comunità
 

PAROLE D'ORDINE

Sradicamenti immemorabili

Ovvero di come la cultura del mediterraneo si fondi su “memorie” che costruiscono identità nomadi,...
Read More...

Piazze, tribune, teatri del Mediterraneo

Piazze, tribune, teatri del Mediterraneo: dalla qualità dello spazio pubblico alla qualità della...
Read More...

Le differenze, la scuola italiana, una cosa...

In effetti ciò che sta succedendo su alcuni aspetti della riforma della scuola qualche dubbio...
Read More...

Globalizzazioni

Una volta ciò che accadeva nel mondo era importante, agitava le coscienze e perfino la lotta...
Read More...

Pazienza

Gabriella Caramore ha scritto un bel libro intitolato Pazienza, ricchissimo di spunti su molti...
Read More...

Questione morale

La questione morale. Il film di Walter Veltroni ha fatto tornare di moda Enrico Berlinguer , la...
Read More...

Cittàteatro

La città teatro, ovvero Santo Parisi, carnevale, e il grande palcoscenico. Carnevale è arrivato e...
Read More...

La vita è là

La vita è la giovane mamma che si alza alle 4 di mattina per andare a lavorare in panificio,...
Read More...

Perfetta letizia e politica

Gli appunti del gruppo di lavoro che ho guidato ad Assisi, il 2 novembre, all'interno del convegno...
Read More...

se ha bisogno di ulteriori informazioni, sentiti libero di contattarmi

Biografia

Sono nato nel 1970. Vivo a Paternò, città di cui sono stato sindaco dal 2012 al 2017. Laureato in lettere classiche, insegnante per molti anni (un lavoro bellissimo), adesso dirigente scolastico.
Ho iniziato il mio impegno ecclesiale nei gruppi francescani, di cui ancora faccio parte, quello politico nella Rete, negli anni '90, insieme a quella generazione di siciliani che si è persuasa di riuscire ad assistere alla fine della Mafia, e perfino di contribuirvi. Lo penso ancora.
Mauro Mangano

Ultimi articoli

Dantedi

Un gioco, se volete, un...

Didattica da toccare

- Didattica è il...

Sradicamenti immemorabili

Ovvero di come la...