Dantedi

Un gioco, se volete, un...

Didattica da toccare

- Didattica è il...

Sradicamenti immemorabili

Ovvero di come la...

Quando la vita ti viene a trovare

Lucrezio, Seneca, due...

Il virus della rimozione covid-3 (o come non...

- Il virus della...

IN VIA

Il virus della rimozione covid-3 (o come non...

- Il virus della rimozione. Credo appartenga allo stesso ceppo del virus del fatalismo, ma è più...
Read More...

Il virus della sopravvivenza covid-2 (o come il...

- Chiusi a casa, regrediti psicologicamente nel grembo domestico, con una vaga sindrome da...
Read More...

Il Virus del fatalismo - covid-1 (o come...

- La rivelazione del fatalismo. È riassunta nella diffusione della frase “Andrà tutto bene”. Una...
Read More...

Il virus rivelatore - covid-0 (o come il virus...

- L'esplosione della pandemia del virus covid-19 è un evento drammatico ed epocale. Uno di quei...
Read More...

Autonomia differenziata, regionalizzazione...

NAPOLI, 8 NOVEMBRE 2019 L’esame delle proposte di intesa sull’autonomia differenziata riguardo la...
Read More...

Scelte

Federazione dei Verdi L'impegno politico è una parte indissolubile della mia vita quotidiana, lo è...
Read More...

Accogliere è crescere

Ho letto su alcuni organi di informazione che a Paternò dovrebbe essere aperto un centro di...
Read More...

Pozzo Currone

Riqualificata la zona mercatale di Pozzo Currone Un finanziamento europeo, di qualche anno fa, ha...
Read More...

Operazione “The end”

L’Amministrazione comunale paternese esprime soddisfazione per la sentenza dell’operazione “The...
Read More...

IN CLASSE

Dantedi

Un gioco, se volete, un modo per stare insieme, anche distanti, nel nome di Dante e della poesia.
Read More...

Didattica da toccare

- Didattica è il termine con cui indichiamo la pratica dell'insegnamento. È anche il nome che...
Read More...

IN PAGINA

Quando la vita ti viene a trovare

Lucrezio, Seneca, due scrittori diversissimi, catalogati nelle distanti fazioni di stoici ed...
Read More...

Il taccuino di Bento

di John Berger La protesta non è innanzitutto un sacrificio fatto in nome di un futuro diverso e...
Read More...

Il gioco del silenzio

di Carlo Sini Più riguardo a "Il gioco del silenzio". Una grande, compatta, pulita riflessione sul...
Read More...

Il tempo è un bastardo

di John Berger Il tema non è originale: il tempo passa, e trasforma ogni cosa. Il romanzo di...
Read More...

Da a a x. Lettere di una storia

di John Berger La tensione lirica di questo libro è molto alta, berger sa unire delicatezza e...
Read More...

Congedo ordinario

di Gilberto Severini La storia di un uomo letta alla luce di un'unico costante filo conduttore,...
Read More...

La preghiera semplice di Francesco

di L. Boff - Cittadella editrice La cosiddetta Preghiera Semplice non è stata scritta da...
Read More...

Un libro, ogni tanto

Arriva il 15 agosto anche per poter leggere un libro, tutto in una volta, come si faceva un tempo....
Read More...

A cosa servono gli amori infelici?

DI G. Severini - Playground Bel libro, una scrittura solida, tranquilla, che non cerca effetti...
Read More...

Ho letto su alcuni organi di informazione che a Paternò dovrebbe essere aperto un centro di accoglienza per circa 50 migranti, in un immobile privato, nel quartiere Trappetazzo, e che il sindaco ha già preannunciato le “barricate” contro questo centro.

Mi pare anche che non è mancato chi, per non perdere le buone vecchie abitudini, ha pure tirato in ballo l'ex sindaco Mangano dichiarando che sarei stato io a dare il mio assenso alla prefettura per l'accoglienza dei migranti.

Da Sindaco, quando la prefettura mi ha convocato, insieme a tutti i sindaci della provincia, per comunicarmi che avevano l'intenzione di fare ospitare a Paternò più di 200 migranti, ho spiegato al Prefetto che non esistevano, nella nostra città, luoghi adeguati, e tantomeno c'erano le condizioni sociali per sostenere queste quantità di immigrati, data la conformazione urbanistica della città, molto concentrata, e la realtà sociale ed economica di enorme difficoltà, tutte condizioni che non favoriscono l'integrazione di stranieri in numero considerevole. Da Sindaco, ho aggiunto che a Paternò la crisi economica ha generato una spaventosa emergenza abitativa, con famiglie e singoli cittadini che vivono in macchina o in condizioni disperate in immobili abbandonati o in sistemazioni di fortuna. Pertanto ho chiesto al Prefetto che qualora la prefettura avesse organizzato dei luoghi per l'accoglienza dei migranti, curasse di destinare una possibilità di alloggio anche ai paternesi privi di un tetto, nella semplice consapevolezza che il bisogno e la povertà non hanno razza e colore, e la solidarietà non può essere a compartimenti stagni. Questa è stata, e sarebbe tutt'ora, la mia posizione da sindaco. Vorrei ricordare tra l'altro che già un centro di accoglienza è stato aperto, proprio durante la mia amministrazione, e per giunta nei pressi di un istituto scolastico. Piuttosto che marce e barricate, ho fatto svolgere i controlli che la legge assegna al comune, verificando la struttura, sotto ogni aspetto, e continuando a controllarne il funzionamento dopo l'apertura, facendo in modo che si rispettassero tutte le leggi sul numero di operatori da un lato e di ospiti dall'altro, senza bisogno di creare allarmi e tensioni.

Da uomo (e da cristiano) ritengo che nessuno può voltarsi dall'altra parte di fronte alla sofferenza di un altro uomo, oggi guardare in faccia il fratello significa chiedersi come costruire accoglienza e integrazione, rispettando chi deve essere accolto e chi deve accogliere, pensando ad una società integrata e non solo multiculturale, ricordandosi che l'identità di un territorio è un bene e un valore, ma si costruisce in modo dinamico e grazie alle contaminazioni continue. Insomma, da uomo e da cristiano credo che le barricate sono una scemenza.

Da cittadino di Paternò, infine, mi piacerebbe che tutti quelli che adesso stanno o staranno in silenzio, in questa situazione, magari rivestendo ruoli che invece hanno, nelle comunità, un valore morale ed educativo, che hanno a che fare con la crescita e la cura degli uomini e dei loro cuori, ruoli che non si conciliano con il silenzio, ecco, mi piacerebbe che questi restino in silenzio anche in seguito, e ci risparmino qualche ipocrita appello alla solidarietà in periodo natalizio o in occasione di qualche settimana di chissà cosa, e restino in silenzio risparmiandoci anche ipocritissime affermazioni di plauso e lode al Papa che è buono, e dice cose splendide, ma di certo non sufficienti, a quanto pare, a superare le nostre barricate.

Credo che Paternò abbia dimostrato abbondantemente, negli ultimi decenni, che il problema non è l'accoglienza o la presenza di alcune decine di immigrati, ma le condizioni socio-economiche della città intera. Per decenni ben più di 50 immigrati hanno vissuto in condizioni indecenti e illegalmente in immobili come la scuola Falconieri o il Velodromo, finchè, durante la scorsa amministrazione, questa realtà scandalosa è finita, e mai i paternesi hanno dato vita a fenomeni di intolleranza, anzi si sono prodigati per la solidarietà reale, attraverso il lavoro delle associazioni e la generosità dei singoli. La Bisaccia del Pellegrino sfama, da anni ormai, indifferentemente stranieri e paternesi. Potremmo essere il modello positivo di una solidarietà senza barriere, mostrare la parte migliore di noi ed essere esempio per molti altri, per tutti quelli che “non sono razzisti ma”. Mi auguro che riusciamo a dimostrare ancora una volta che Paternò è una città solidale.

PAROLE D'ORDINE

Sradicamenti immemorabili

Ovvero di come la cultura del mediterraneo si fondi su “memorie” che costruiscono identità nomadi,...
Read More...

Piazze, tribune, teatri del Mediterraneo

Piazze, tribune, teatri del Mediterraneo: dalla qualità dello spazio pubblico alla qualità della...
Read More...

Le differenze, la scuola italiana, una cosa...

In effetti ciò che sta succedendo su alcuni aspetti della riforma della scuola qualche dubbio...
Read More...

Globalizzazioni

Una volta ciò che accadeva nel mondo era importante, agitava le coscienze e perfino la lotta...
Read More...

Pazienza

Gabriella Caramore ha scritto un bel libro intitolato Pazienza, ricchissimo di spunti su molti...
Read More...

Questione morale

La questione morale. Il film di Walter Veltroni ha fatto tornare di moda Enrico Berlinguer , la...
Read More...

Cittàteatro

La città teatro, ovvero Santo Parisi, carnevale, e il grande palcoscenico. Carnevale è arrivato e...
Read More...

La vita è là

La vita è la giovane mamma che si alza alle 4 di mattina per andare a lavorare in panificio,...
Read More...

Perfetta letizia e politica

Gli appunti del gruppo di lavoro che ho guidato ad Assisi, il 2 novembre, all'interno del convegno...
Read More...

se ha bisogno di ulteriori informazioni, sentiti libero di contattarmi

Biografia

Sono nato nel 1970. Vivo a Paternò, città di cui sono stato sindaco dal 2012 al 2017. Laureato in lettere classiche, insegnante per molti anni (un lavoro bellissimo), adesso dirigente scolastico.
Ho iniziato il mio impegno ecclesiale nei gruppi francescani, di cui ancora faccio parte, quello politico nella Rete, negli anni '90, insieme a quella generazione di siciliani che si è persuasa di riuscire ad assistere alla fine della Mafia, e perfino di contribuirvi. Lo penso ancora.
Mauro Mangano

Ultimi articoli

Dantedi

Un gioco, se volete, un...

Didattica da toccare

- Didattica è il...

Sradicamenti immemorabili

Ovvero di come la...