Dantedi

Un gioco, se volete, un...

Didattica da toccare

- Didattica è il...

Sradicamenti immemorabili

Ovvero di come la...

Quando la vita ti viene a trovare

Lucrezio, Seneca, due...

Il virus della rimozione covid-3 (o come non...

- Il virus della...

IN VIA

Il virus della rimozione covid-3 (o come non...

- Il virus della rimozione. Credo appartenga allo stesso ceppo del virus del fatalismo, ma è più...
Read More...

Il virus della sopravvivenza covid-2 (o come il...

- Chiusi a casa, regrediti psicologicamente nel grembo domestico, con una vaga sindrome da...
Read More...

Il Virus del fatalismo - covid-1 (o come...

- La rivelazione del fatalismo. È riassunta nella diffusione della frase “Andrà tutto bene”. Una...
Read More...

Il virus rivelatore - covid-0 (o come il virus...

- L'esplosione della pandemia del virus covid-19 è un evento drammatico ed epocale. Uno di quei...
Read More...

Autonomia differenziata, regionalizzazione...

NAPOLI, 8 NOVEMBRE 2019 L’esame delle proposte di intesa sull’autonomia differenziata riguardo la...
Read More...

Scelte

Federazione dei Verdi L'impegno politico è una parte indissolubile della mia vita quotidiana, lo è...
Read More...

Accogliere è crescere

Ho letto su alcuni organi di informazione che a Paternò dovrebbe essere aperto un centro di...
Read More...

Pozzo Currone

Riqualificata la zona mercatale di Pozzo Currone Un finanziamento europeo, di qualche anno fa, ha...
Read More...

Operazione “The end”

L’Amministrazione comunale paternese esprime soddisfazione per la sentenza dell’operazione “The...
Read More...

IN CLASSE

Dantedi

Un gioco, se volete, un modo per stare insieme, anche distanti, nel nome di Dante e della poesia.
Read More...

Didattica da toccare

- Didattica è il termine con cui indichiamo la pratica dell'insegnamento. È anche il nome che...
Read More...

IN PAGINA

Quando la vita ti viene a trovare

Lucrezio, Seneca, due scrittori diversissimi, catalogati nelle distanti fazioni di stoici ed...
Read More...

Il taccuino di Bento

di John Berger La protesta non è innanzitutto un sacrificio fatto in nome di un futuro diverso e...
Read More...

Il gioco del silenzio

di Carlo Sini Più riguardo a "Il gioco del silenzio". Una grande, compatta, pulita riflessione sul...
Read More...

Il tempo è un bastardo

di John Berger Il tema non è originale: il tempo passa, e trasforma ogni cosa. Il romanzo di...
Read More...

Da a a x. Lettere di una storia

di John Berger La tensione lirica di questo libro è molto alta, berger sa unire delicatezza e...
Read More...

Congedo ordinario

di Gilberto Severini La storia di un uomo letta alla luce di un'unico costante filo conduttore,...
Read More...

La preghiera semplice di Francesco

di L. Boff - Cittadella editrice La cosiddetta Preghiera Semplice non è stata scritta da...
Read More...

Un libro, ogni tanto

Arriva il 15 agosto anche per poter leggere un libro, tutto in una volta, come si faceva un tempo....
Read More...

A cosa servono gli amori infelici?

DI G. Severini - Playground Bel libro, una scrittura solida, tranquilla, che non cerca effetti...
Read More...

Al Piccolo teatro, la presentazione del “Festival dei Cantastorie”

Sabato 25 marzo, alle 19, verrà presentata la I edizione del “Festival dei Cantastorie”. L’evento avrà luogo al Piccolo teatro in via Monastero, a Paternò. Per l’occasione si esibiranno celebri cantastorie siciliani e calabresi. La manifestazione rappresenta un’anteprima delle serate del “Festival” che si svolgerà fra la seconda e la terza settimana del mese di settembre, nei giorni 8-9-10 e 11.

Un appuntamento estivo atteso da tempo, per gli appassionati del genere, ma anche per i molti incuriositi da una tradizione che è ben radicata nel comprensorio e che nella sola città di Paternò ha dato i natali ad alcuni tra i più noti cantastorie nazionali. «Continua con grandissimo successo il bellissimo lavoro all'interno della Casa Museo del Cantastorie, luogo - spiega l’assessore alla Cultura, Valentina Campisano- dove cultura e tradizione si uniscono, voluto fortemente dalla nostra Amministrazione. Oggi, dopo anni di intensa attività di ricerca, studio, rielaborazione e produzione, arriviamo, con soddisfazione, alla prima edizione del “Festival dei Cantastorie”, che vedrà esibirsi nella nostra città i più importanti cantastorie di Sicilia e Calabria.

Una manifestazione unica, di altissimo livello, per la quale dobbiamo ringraziare tutti gli artisti e gli studiosi che da tantissimo tempo impiegano le loro energie su questo progetto, che attraverso -continua Campisano- la sinergia tra associazioni e Comune, sta dando frutti straordinari. Importanti per riportare in piena attività la “Casa del Cantastorie”, oltre al recupero del Piccolo teatro e della Casa Museo, sono stati, infatti, anche gli atti amministrativi di istituzionalizzazione della stessa e di collaborazione con l'associazione culturale “Gruppo Batarnù”, che sta facendo un lavoro davvero prezioso».

All’opera, infatti, sia per la manifestazione di sabato 25, che come di ruotine, ad accogliere scolaresche e turisti per visitare la Casa Museo del Cantastorie, è il responsabile e fondatore del “Gruppo Batarnù”, Alessandro Nicolosi. Intento a raccontare, ad un nutrito gruppo di allievi del liceo psicopedagogico “De Sanctis” le origini e l’esordio dei cantastorie paternesi. I ragazzi si sono ritrovati come ultima tappa di un itinerario turistico cittadino al Museo dei Cantastorie, nel progetto di alternanza scuola-lavoro con la Pro Loco cittadina, presieduta da Salvina Sambataro, a testimonianza che l’educazione culturale può seguire varie strade purché non cambi la destinazione, e l’impegno a partire dall’Amministrazione locale, dalle associazioni dalle istituzioni scolastiche alla valorizzazione del patrimonio culturale della città pare ci sia tutto in questo momento.

«Si è creata una rete di partnership, dal Comune, alle associazioni- entra nel merito del progetto Nicolosi-  quali il “Gruppo Batarnù” il “Cenacolo” e recentemente da “Gli Ultimi cantastorie” di Ragusa, che con Franco Occhipinti sta lavorando affinché si ottenga il riconoscimento dell’Arte dei cantastorie come Patrimonio immateriale dell’Unesco. Per fare ciò occorre far conoscere questo patrimonio e promuovere tutta iniziative che possano favorire questo processo di conoscenza. Paternò diventerebbe la patria di quest’arte dei cantastorie, perché fu la scuola più importante. Basti pensare che tra il 1956 e il 1975, in diciannove edizioni del Premio “Trovatori d’Italia”, per cinque volte hanno vinto dei paternesi. Con la “Casa dei Cantastorie”, non c’è un contributo alla memoria, ma un rinnovare quest’arte che poi è l’arte del narrare, un’arte viva che cambia la forma ma non la sostanza».  

Soddisfatto per l’iniziativa e speranzoso per un proseguo interessante con il festival si mostra il primo cittadino Mauro Mangano: «Questo è un momento importante, perché vuol dire che va avanti il progetto che avevamo in mente quando abbiamo pensato alla “Casa del Cantastorie”. Ora la squadra si arricchisce oltre all’associazione “Batarnù” si sono aggiunti i componenti del “Cenacolo”, passi avanti ne sono stati fatti, con l’istituzionalizzazione. Il progetto era quello di farne il cuore, il punto di riferimento della ricerca sull’arte popolare, questo si realizza con il festival».

Tante le forze in campo per valorizzare quest’aspetto della cultura popolare, però ne rivendica la paternità, per quanto riguarda il festival, il presidente del “Cenacolo” Nino Lombardo: «L’evento era previsto che si svolgesse a Palermo, io ho proposto a quelli dell’associazione dei cantastorie di Ragusa di farlo a Paternò, la patria di Busacca, il più famoso a livello nazionale. Loro hanno meditato sulla mia proposta e hanno accettato, facendo diventare Paternò il luogo annuale del “Festival dei Cantastorie”».

Paternò, 23 Marzo 2017

PAROLE D'ORDINE

Sradicamenti immemorabili

Ovvero di come la cultura del mediterraneo si fondi su “memorie” che costruiscono identità nomadi,...
Read More...

Piazze, tribune, teatri del Mediterraneo

Piazze, tribune, teatri del Mediterraneo: dalla qualità dello spazio pubblico alla qualità della...
Read More...

Le differenze, la scuola italiana, una cosa...

In effetti ciò che sta succedendo su alcuni aspetti della riforma della scuola qualche dubbio...
Read More...

Globalizzazioni

Una volta ciò che accadeva nel mondo era importante, agitava le coscienze e perfino la lotta...
Read More...

Pazienza

Gabriella Caramore ha scritto un bel libro intitolato Pazienza, ricchissimo di spunti su molti...
Read More...

Questione morale

La questione morale. Il film di Walter Veltroni ha fatto tornare di moda Enrico Berlinguer , la...
Read More...

Cittàteatro

La città teatro, ovvero Santo Parisi, carnevale, e il grande palcoscenico. Carnevale è arrivato e...
Read More...

La vita è là

La vita è la giovane mamma che si alza alle 4 di mattina per andare a lavorare in panificio,...
Read More...

Perfetta letizia e politica

Gli appunti del gruppo di lavoro che ho guidato ad Assisi, il 2 novembre, all'interno del convegno...
Read More...

se ha bisogno di ulteriori informazioni, sentiti libero di contattarmi

Biografia

Sono nato nel 1970. Vivo a Paternò, città di cui sono stato sindaco dal 2012 al 2017. Laureato in lettere classiche, insegnante per molti anni (un lavoro bellissimo), adesso dirigente scolastico.
Ho iniziato il mio impegno ecclesiale nei gruppi francescani, di cui ancora faccio parte, quello politico nella Rete, negli anni '90, insieme a quella generazione di siciliani che si è persuasa di riuscire ad assistere alla fine della Mafia, e perfino di contribuirvi. Lo penso ancora.
Mauro Mangano

Ultimi articoli

Dantedi

Un gioco, se volete, un...

Didattica da toccare

- Didattica è il...

Sradicamenti immemorabili

Ovvero di come la...