Dantedi

Un gioco, se volete, un...

Didattica da toccare

- Didattica è il...

Sradicamenti immemorabili

Ovvero di come la...

Quando la vita ti viene a trovare

Lucrezio, Seneca, due...

Il virus della rimozione covid-3 (o come non...

- Il virus della...

IN VIA

Il virus della rimozione covid-3 (o come non...

- Il virus della rimozione. Credo appartenga allo stesso ceppo del virus del fatalismo, ma è più...
Read More...

Il virus della sopravvivenza covid-2 (o come il...

- Chiusi a casa, regrediti psicologicamente nel grembo domestico, con una vaga sindrome da...
Read More...

Il Virus del fatalismo - covid-1 (o come...

- La rivelazione del fatalismo. È riassunta nella diffusione della frase “Andrà tutto bene”. Una...
Read More...

Il virus rivelatore - covid-0 (o come il virus...

- L'esplosione della pandemia del virus covid-19 è un evento drammatico ed epocale. Uno di quei...
Read More...

Autonomia differenziata, regionalizzazione...

NAPOLI, 8 NOVEMBRE 2019 L’esame delle proposte di intesa sull’autonomia differenziata riguardo la...
Read More...

Scelte

Federazione dei Verdi L'impegno politico è una parte indissolubile della mia vita quotidiana, lo è...
Read More...

Accogliere è crescere

Ho letto su alcuni organi di informazione che a Paternò dovrebbe essere aperto un centro di...
Read More...

Pozzo Currone

Riqualificata la zona mercatale di Pozzo Currone Un finanziamento europeo, di qualche anno fa, ha...
Read More...

Operazione “The end”

L’Amministrazione comunale paternese esprime soddisfazione per la sentenza dell’operazione “The...
Read More...

IN CLASSE

Dantedi

Un gioco, se volete, un modo per stare insieme, anche distanti, nel nome di Dante e della poesia.
Read More...

Didattica da toccare

- Didattica è il termine con cui indichiamo la pratica dell'insegnamento. È anche il nome che...
Read More...

IN PAGINA

Quando la vita ti viene a trovare

Lucrezio, Seneca, due scrittori diversissimi, catalogati nelle distanti fazioni di stoici ed...
Read More...

Il taccuino di Bento

di John Berger La protesta non è innanzitutto un sacrificio fatto in nome di un futuro diverso e...
Read More...

Il gioco del silenzio

di Carlo Sini Più riguardo a "Il gioco del silenzio". Una grande, compatta, pulita riflessione sul...
Read More...

Il tempo è un bastardo

di John Berger Il tema non è originale: il tempo passa, e trasforma ogni cosa. Il romanzo di...
Read More...

Da a a x. Lettere di una storia

di John Berger La tensione lirica di questo libro è molto alta, berger sa unire delicatezza e...
Read More...

Congedo ordinario

di Gilberto Severini La storia di un uomo letta alla luce di un'unico costante filo conduttore,...
Read More...

La preghiera semplice di Francesco

di L. Boff - Cittadella editrice La cosiddetta Preghiera Semplice non è stata scritta da...
Read More...

Un libro, ogni tanto

Arriva il 15 agosto anche per poter leggere un libro, tutto in una volta, come si faceva un tempo....
Read More...

A cosa servono gli amori infelici?

DI G. Severini - Playground Bel libro, una scrittura solida, tranquilla, che non cerca effetti...
Read More...

Le Salinelle si sono risvegliate, e al di là dei disagi che hanno causato ad alcuni residenti dell'area, disagi ai quali abbiamo immediatamente cercato di porre rimedio, i fenomeni verificatisi rappresentano senza dubbio un fatto positivo. Finalmente, l'attenzione su Paternò, da parte dei media locali e nazionali, viene destata da manifestazioni della natura uniche nel loro genere, che hanno immediatamente scatenato la curiosità di studiosi e appassionati. Negli ultimi giorni, complice il tam tam su giornali, tv e siti internet, decine di persone si sono recate alle Salinelle per ammirare i vulcanetti di fango,  non solo turisti ed escursionisti provenienti da fuori ma anche cittadini paternesi che ne hanno "riscoperto" l'esistenza.

Ogni volta che vedo i visitatori ammirare le Salinelle sono felice. Perchè da ben tre anni, con la mia amministrazione, lavoro per rendere il sito geologico finalmente fruibile. Prima, ce lo ricordiamo tutti,la zona delle Salinelle era interessata dal triste fenomeno dell'abbandono abusivo di rifiuti, tanto da essersi trasformata in una vera e propria discarica. Oggi, grazie ad un imponente lavoro di bonifica e all'installazione di telecamere di videosorveglianza, tutto questo è solo un lontano ricordo e ne siamo fieri perché, finalmente, tv e giornali possono venire alla Salinelle per riprendere e fotografare non più i rifiuti indecorosamente abbandonati, ma il fenomeno in tutta la sua originale bellezza. Un lavoro attento che non è passato inosservato, tanto che, su nostra richiesta, la Regione Sicilia ha aperto la pratica che ha permesso di dichiarare ufficialmente le Salinelle "Geosito di interesse mondiale". 

Ora è il momento di porsi nuovi obiettivi, che vadano al di là dell'ordinaria amministrazione. Occorre progettare, immaginare un futuro possibile per le Salinelle. Uno dei difetti della nostra città è stato infatti, storicamente, quello di parlare di cose irrealizzabili e non impegnarsi, invece, per costruire quelle fattibili. Dovremmo dunque, innanzitutto, smetterla di parlare di terme. Sappiamo infatti che è molto difficile che il fango delle Salinelle possa essere sfruttato a fini termali, sia per le sue composizioni chimiche, che per le caratteristiche fisiche.

Il nostro progetto è invece quello, molto più realistico, di rendere il sito un grande parco naturale all'aperto, in cui si esaltino la bellezza naturalistica e le potenzialità scientifiche - penso ad esempio alla geotermia - con dei percorsi che trasformino le visite turistiche in un'esperienza unica, avendo anche la possibilità di manipolare, utilizzare, toccare con mano, il fango caldo che viene emesso.

Se noi riusciamo a rendere l'area delle Salinelle, con tutto quello che le sta attorno, cioè gli impianti sportivi, la via dei Mulini (ancora tutta da recuperare), il Museo Etno-Antropologico collocato nei locali dell'ex-macello, la Fonte Maimonide, un luogo di interesse turistico, e lo associamo alla bellezza ed alla forza dell'Etna e del fiume Simeto, allora è possibile che degli imprenditori decidano di investire in strutture ricettive o centri destinati al benessere o alla cura. In questi giorni in tutta la Sicilia si svolge un dibattito riguardo gli impianti termali di Sciacca e Acireale, ormai chiusi e senza prospettive di rinascita. È la prova che nel 2016 occorre puntare sugli investimenti privati, ma anche che gli investimenti sono possibili quando i territori possiedono già un valore, dato dalla cultura, dalla scienza, dal turismo, un valore che dobbiamo creare noi come comunità ed è questo il lavoro che farò finchè amministro Paternò e spero sia fatto anche dagli altri amministratori. La creazione del Parco delle Salinelle è il prossimo passo, realizzabile, e per il quale stiamo già lavorando.

PAROLE D'ORDINE

Sradicamenti immemorabili

Ovvero di come la cultura del mediterraneo si fondi su “memorie” che costruiscono identità nomadi,...
Read More...

Piazze, tribune, teatri del Mediterraneo

Piazze, tribune, teatri del Mediterraneo: dalla qualità dello spazio pubblico alla qualità della...
Read More...

Le differenze, la scuola italiana, una cosa...

In effetti ciò che sta succedendo su alcuni aspetti della riforma della scuola qualche dubbio...
Read More...

Globalizzazioni

Una volta ciò che accadeva nel mondo era importante, agitava le coscienze e perfino la lotta...
Read More...

Pazienza

Gabriella Caramore ha scritto un bel libro intitolato Pazienza, ricchissimo di spunti su molti...
Read More...

Questione morale

La questione morale. Il film di Walter Veltroni ha fatto tornare di moda Enrico Berlinguer , la...
Read More...

Cittàteatro

La città teatro, ovvero Santo Parisi, carnevale, e il grande palcoscenico. Carnevale è arrivato e...
Read More...

La vita è là

La vita è la giovane mamma che si alza alle 4 di mattina per andare a lavorare in panificio,...
Read More...

Perfetta letizia e politica

Gli appunti del gruppo di lavoro che ho guidato ad Assisi, il 2 novembre, all'interno del convegno...
Read More...

se ha bisogno di ulteriori informazioni, sentiti libero di contattarmi

Biografia

Sono nato nel 1970. Vivo a Paternò, città di cui sono stato sindaco dal 2012 al 2017. Laureato in lettere classiche, insegnante per molti anni (un lavoro bellissimo), adesso dirigente scolastico.
Ho iniziato il mio impegno ecclesiale nei gruppi francescani, di cui ancora faccio parte, quello politico nella Rete, negli anni '90, insieme a quella generazione di siciliani che si è persuasa di riuscire ad assistere alla fine della Mafia, e perfino di contribuirvi. Lo penso ancora.
Mauro Mangano

Ultimi articoli

Dantedi

Un gioco, se volete, un...

Didattica da toccare

- Didattica è il...

Sradicamenti immemorabili

Ovvero di come la...