Preghiera a Santa Barbara

Vota questo articolo
(16 Voti)
Preghiera a Santa Barbara

Messa del 5 dicembre 2015

                   Cara Santa Barbara,

         una preghiera semplice, oggi, per una città provata, offesa, anche arrabbiata, ma poi forte, decisa, umilmente consapevole delle sue mancanze, e della tua grazia. In questa città, Barbara, la mafia ancora usa la violenza e l'illegalità per accrescere la differenza tra gli uomini, e calpestare il diritto alla giustizia ed alla libertà.

Allora aiutaci, Barbara, a liberare le donne e gli uomini di questa città che ogni giorno ricevono l'offesa della violenza, i commercianti, gli imprenditori, che vengono derubati e intimiditi, tutti i giovani che al codice della violenza vengono educati, cui viene tolta la grazia della tenerezza, ridotto il linguaggio dell'amore, aiuta anche chi pensa ancora che un uomo possa sottomettere altri uomini, aiutalo, prima di tutto, a liberare se stesso. E aiutaci a liberare questa città dal nodo di uno sviluppo economico troppo lento, dalla sfiducia, dal commercio delle droghe che consegnano giorni di vuoto, a difendere ed a manifestare la dignità di tutti quelli che non si piegano, che nella mancanza del lavoro, di una vita serena per i figli, spesso perfino di una casa, non cedono alla tentazione di piegarsi davanti agli uomini, di sottomettersi alla disumanità del crimine. E sono tanti, che nella povertà rimangono in piedi, restano umani. E tantissimi coloro che mettono l'onestà, semplicemente alla base della loro vita, nella normalità di ogni giorno.

         Santa Barbara, liberaci anche dall'idea che il silenzio possa essere innocente, che chiudere gli occhi non sia un'azione violenta, aiutaci a riconoscere quel confine che separa la cautela dalla viltà, il timore dalla rassegnazione, la visione della realtà dalla compiacenza e dalla complicità. Aiutaci a distinguere sempre da che parte stare, e ad avere il coraggio di lottare perchè sia quella la parte vincente. “Un popolo che vive nell'inerzia dell'accettazione passiva è un popolo morto... la vera felicità passa attraverso la lotta per un paese fraterno”, ci dice Papa Francesco.

        Noi dobbiamo impegnarci ad essere più bravi, anche ad organizzare questi giorni di festa, saremo più rigorosi perchè non ci sia nessuna confusione fra la fede in una santa e la dedizione, sempre distorta, a qualunque uomo, scriveremo regole più chiare su come accompagnare la tua immagine, solo con atti e comportamenti che le facciano onore.

        Concludo, Santa Barbara, dicendo con questa voce, parole condivise, pensate e scritte insieme, nei giorni che accompagnano la battaglia quotidiana per la libertà e la giustizia, dei paternesi, parole di ringraziamento.

        Cara Santa Barbara in questi giorni alcuni episodi hanno mostrato un’immagine di Paternò che non ci piace, noi cittadini però ci ricordiamo di tutte le cose belle della nostra città per cui ci sentiamo di dire GRAZIE!

        Grazie per tutti i cittadini che si impegnano duramente ogni giorno nella scuola e nel volontariato per educare e formare cittadini onesti e responsabili.

        Grazie per tutti coloro che svolgono con passione e cuore azioni di servizio al prossimo, specialmente agli ultimi e ai bisognosi.

        Grazie per i moltissimi cittadini che sono stati in grande difficoltà per la mancanza di lavoro e pure hanno voluto vivere dignitosamente dicendo no alla disonestà e alla delinquenza.

        Grazie per tutti quelli che, giovani o meno giovani, con tanti sacrifici e tanta fatica hanno mantenuto o creato attività lavorative senza piegarsi, ne tantomeno inchinarsi, allo scoraggiamento o alla mafia.

        Grazie per tutti gli uomini delle forze dell'ordine, che manifestano la presenza dello stato e accompagnano i passi di tutti i cittadini onesti, con infinito coraggio e  discrezione.

Grazie per quella, bella e maggioritaria parte di città che crede ancora nella possibilità e necessità di camminare in strade di coraggio e giustizia, tutta unita.

        Ti prego, dunque, Barbara, guida il nostro sguardo, rendilo ogni giorno più innamorato. Se camminando per questa città sappiamo vedere con occhi d'amore, di misericordia, i fratelli, tutti, se dove vediamo una mancanza non cerchiamo un giudizio o una condanna, ma prestiamo un soccorso,

        dove era, dove è, la rabbia riporteremo la gioia

        dove era, dove è, l'incertezza della fragilità porteremo il coraggio

        dove erano i capi chini porteremo, a testa alta,

        la fiducia degli uomini liberi.

È viva santa Barbara.

         Paternò, 5 dicembre 2015

Devi effettuare il login per inviare commenti

Mauro Mangano Sindaco

Newsletter

Devi prima registrarti per poterti iscrivere ad una newsletter.
No account yet? Register
Terms and Condition

Compila il form d'iscrizione alla newsletter. Tutti i campi contrassegnati con un asterisco (*) sono obbligatori. Inserisci un indirizzo e-mail valido. Riceverai un messaggio di conferma iscrizione alla newsletter.


Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti.