Dantedi

Un gioco, se volete, un...

Didattica da toccare

- Didattica è il...

Sradicamenti immemorabili

Ovvero di come la...

Quando la vita ti viene a trovare

Lucrezio, Seneca, due...

Il virus della rimozione covid-3 (o come non...

- Il virus della...

IN VIA

Il virus della rimozione covid-3 (o come non...

- Il virus della rimozione. Credo appartenga allo stesso ceppo del virus del fatalismo, ma è più...
Read More...

Il virus della sopravvivenza covid-2 (o come il...

- Chiusi a casa, regrediti psicologicamente nel grembo domestico, con una vaga sindrome da...
Read More...

Il Virus del fatalismo - covid-1 (o come...

- La rivelazione del fatalismo. È riassunta nella diffusione della frase “Andrà tutto bene”. Una...
Read More...

Il virus rivelatore - covid-0 (o come il virus...

- L'esplosione della pandemia del virus covid-19 è un evento drammatico ed epocale. Uno di quei...
Read More...

Autonomia differenziata, regionalizzazione...

NAPOLI, 8 NOVEMBRE 2019 L’esame delle proposte di intesa sull’autonomia differenziata riguardo la...
Read More...

Scelte

Federazione dei Verdi L'impegno politico è una parte indissolubile della mia vita quotidiana, lo è...
Read More...

Accogliere è crescere

Ho letto su alcuni organi di informazione che a Paternò dovrebbe essere aperto un centro di...
Read More...

Pozzo Currone

Riqualificata la zona mercatale di Pozzo Currone Un finanziamento europeo, di qualche anno fa, ha...
Read More...

Operazione “The end”

L’Amministrazione comunale paternese esprime soddisfazione per la sentenza dell’operazione “The...
Read More...

IN CLASSE

Dantedi

Un gioco, se volete, un modo per stare insieme, anche distanti, nel nome di Dante e della poesia.
Read More...

Didattica da toccare

- Didattica è il termine con cui indichiamo la pratica dell'insegnamento. È anche il nome che...
Read More...

IN PAGINA

Quando la vita ti viene a trovare

Lucrezio, Seneca, due scrittori diversissimi, catalogati nelle distanti fazioni di stoici ed...
Read More...

Il taccuino di Bento

di John Berger La protesta non è innanzitutto un sacrificio fatto in nome di un futuro diverso e...
Read More...

Il gioco del silenzio

di Carlo Sini Più riguardo a "Il gioco del silenzio". Una grande, compatta, pulita riflessione sul...
Read More...

Il tempo è un bastardo

di John Berger Il tema non è originale: il tempo passa, e trasforma ogni cosa. Il romanzo di...
Read More...

Da a a x. Lettere di una storia

di John Berger La tensione lirica di questo libro è molto alta, berger sa unire delicatezza e...
Read More...

Congedo ordinario

di Gilberto Severini La storia di un uomo letta alla luce di un'unico costante filo conduttore,...
Read More...

La preghiera semplice di Francesco

di L. Boff - Cittadella editrice La cosiddetta Preghiera Semplice non è stata scritta da...
Read More...

Un libro, ogni tanto

Arriva il 15 agosto anche per poter leggere un libro, tutto in una volta, come si faceva un tempo....
Read More...

A cosa servono gli amori infelici?

DI G. Severini - Playground Bel libro, una scrittura solida, tranquilla, che non cerca effetti...
Read More...

Messa del 5 dicembre 2015

Cara Santa Barbara,

una preghiera semplice, oggi, per una città provata, offesa, anche arrabbiata, ma poi forte, decisa, umilmente consapevole delle sue mancanze, e della tua grazia. In questa città, Barbara, la mafia ancora usa la violenza e l'illegalità per accrescere la differenza tra gli uomini, e calpestare il diritto alla giustizia ed alla libertà.

Allora aiutaci, Barbara, a liberare le donne e gli uomini di questa città che ogni giorno ricevono l'offesa della violenza, i commercianti, gli imprenditori, che vengono derubati e intimiditi, tutti i giovani che al codice della violenza vengono educati, cui viene tolta la grazia della tenerezza, ridotto il linguaggio dell'amore, aiuta anche chi pensa ancora che un uomo possa sottomettere altri uomini, aiutalo, prima di tutto, a liberare se stesso. E aiutaci a liberare questa città dal nodo di uno sviluppo economico troppo lento, dalla sfiducia, dal commercio delle droghe che consegnano giorni di vuoto, a difendere ed a manifestare la dignità di tutti quelli che non si piegano, che nella mancanza del lavoro, di una vita serena per i figli, spesso perfino di una casa, non cedono alla tentazione di piegarsi davanti agli uomini, di sottomettersi alla disumanità del crimine. E sono tanti, che nella povertà rimangono in piedi, restano umani. E tantissimi coloro che mettono l'onestà, semplicemente alla base della loro vita, nella normalità di ogni giorno.

Santa Barbara, liberaci anche dall'idea che il silenzio possa essere innocente, che chiudere gli occhi non sia un'azione violenta, aiutaci a riconoscere quel confine che separa la cautela dalla viltà, il timore dalla rassegnazione, la visione della realtà dalla compiacenza e dalla complicità. Aiutaci a distinguere sempre da che parte stare, e ad avere il coraggio di lottare perchè sia quella la parte vincente. “Un popolo che vive nell'inerzia dell'accettazione passiva è un popolo morto... la vera felicità passa attraverso la lotta per un paese fraterno”, ci dice Papa Francesco.

Noi dobbiamo impegnarci ad essere più bravi, anche ad organizzare questi giorni di festa, saremo più rigorosi perchè non ci sia nessuna confusione fra la fede in una santa e la dedizione, sempre distorta, a qualunque uomo, scriveremo regole più chiare su come accompagnare la tua immagine, solo con atti e comportamenti che le facciano onore.

Concludo, Santa Barbara, dicendo con questa voce, parole condivise, pensate e scritte insieme, nei giorni che accompagnano la battaglia quotidiana per la libertà e la giustizia, dei paternesi, parole di ringraziamento.

Cara Santa Barbara in questi giorni alcuni episodi hanno mostrato un’immagine di Paternò che non ci piace, noi cittadini però ci ricordiamo di tutte le cose belle della nostra città per cui ci sentiamo di dire GRAZIE!

Grazie per tutti i cittadini che si impegnano duramente ogni giorno nella scuola e nel volontariato per educare e formare cittadini onesti e responsabili.

Grazie per tutti coloro che svolgono con passione e cuore azioni di servizio al prossimo, specialmente agli ultimi e ai bisognosi.

Grazie per i moltissimi cittadini che sono stati in grande difficoltà per la mancanza di lavoro e pure hanno voluto vivere dignitosamente dicendo no alla disonestà e alla delinquenza.

Grazie per tutti quelli che, giovani o meno giovani, con tanti sacrifici e tanta fatica hanno mantenuto o creato attività lavorative senza piegarsi, ne tantomeno inchinarsi, allo scoraggiamento o alla mafia.

Grazie per tutti gli uomini delle forze dell'ordine, che manifestano la presenza dello stato e accompagnano i passi di tutti i cittadini onesti, con infinito coraggio e discrezione.

Grazie per quella, bella e maggioritaria parte di città che crede ancora nella possibilità e necessità di camminare in strade di coraggio e giustizia, tutta unita.

Ti prego, dunque, Barbara, guida il nostro sguardo, rendilo ogni giorno più innamorato. Se camminando per questa città sappiamo vedere con occhi d'amore, di misericordia, i fratelli, tutti, se dove vediamo una mancanza non cerchiamo un giudizio o una condanna, ma prestiamo un soccorso,

dove era, dove è, la rabbia riporteremo la gioia

dove era, dove è, l'incertezza della fragilità porteremo il coraggio

dove erano i capi chini porteremo, a testa alta,

la fiducia degli uomini liberi.

w santa Barbara!

Paternò, 5 dicembre 2015


1_2015_12_06_in_via_mauro_mangano
2_2015_12_06_in_via_mauro_mangano
2015_12_06_in_via_mauro_mangano

PAROLE D'ORDINE

Sradicamenti immemorabili

Ovvero di come la cultura del mediterraneo si fondi su “memorie” che costruiscono identità nomadi,...
Read More...

Piazze, tribune, teatri del Mediterraneo

Piazze, tribune, teatri del Mediterraneo: dalla qualità dello spazio pubblico alla qualità della...
Read More...

Le differenze, la scuola italiana, una cosa...

In effetti ciò che sta succedendo su alcuni aspetti della riforma della scuola qualche dubbio...
Read More...

Globalizzazioni

Una volta ciò che accadeva nel mondo era importante, agitava le coscienze e perfino la lotta...
Read More...

Pazienza

Gabriella Caramore ha scritto un bel libro intitolato Pazienza, ricchissimo di spunti su molti...
Read More...

Questione morale

La questione morale. Il film di Walter Veltroni ha fatto tornare di moda Enrico Berlinguer , la...
Read More...

Cittàteatro

La città teatro, ovvero Santo Parisi, carnevale, e il grande palcoscenico. Carnevale è arrivato e...
Read More...

La vita è là

La vita è la giovane mamma che si alza alle 4 di mattina per andare a lavorare in panificio,...
Read More...

Perfetta letizia e politica

Gli appunti del gruppo di lavoro che ho guidato ad Assisi, il 2 novembre, all'interno del convegno...
Read More...

se ha bisogno di ulteriori informazioni, sentiti libero di contattarmi

Biografia

Sono nato nel 1970. Vivo a Paternò, città di cui sono stato sindaco dal 2012 al 2017. Laureato in lettere classiche, insegnante per molti anni (un lavoro bellissimo), adesso dirigente scolastico.
Ho iniziato il mio impegno ecclesiale nei gruppi francescani, di cui ancora faccio parte, quello politico nella Rete, negli anni '90, insieme a quella generazione di siciliani che si è persuasa di riuscire ad assistere alla fine della Mafia, e perfino di contribuirvi. Lo penso ancora.
Mauro Mangano

Ultimi articoli

Dantedi

Un gioco, se volete, un...

Didattica da toccare

- Didattica è il...

Sradicamenti immemorabili

Ovvero di come la...