Dantedi

Un gioco, se volete, un...

Didattica da toccare

- Didattica è il...

Sradicamenti immemorabili

Ovvero di come la...

Quando la vita ti viene a trovare

Lucrezio, Seneca, due...

Il virus della rimozione covid-3 (o come non...

- Il virus della...

IN VIA

Il virus della rimozione covid-3 (o come non...

- Il virus della rimozione. Credo appartenga allo stesso ceppo del virus del fatalismo, ma è più...
Read More...

Il virus della sopravvivenza covid-2 (o come il...

- Chiusi a casa, regrediti psicologicamente nel grembo domestico, con una vaga sindrome da...
Read More...

Il Virus del fatalismo - covid-1 (o come...

- La rivelazione del fatalismo. È riassunta nella diffusione della frase “Andrà tutto bene”. Una...
Read More...

Il virus rivelatore - covid-0 (o come il virus...

- L'esplosione della pandemia del virus covid-19 è un evento drammatico ed epocale. Uno di quei...
Read More...

Autonomia differenziata, regionalizzazione...

NAPOLI, 8 NOVEMBRE 2019 L’esame delle proposte di intesa sull’autonomia differenziata riguardo la...
Read More...

Scelte

Federazione dei Verdi L'impegno politico è una parte indissolubile della mia vita quotidiana, lo è...
Read More...

Accogliere è crescere

Ho letto su alcuni organi di informazione che a Paternò dovrebbe essere aperto un centro di...
Read More...

Pozzo Currone

Riqualificata la zona mercatale di Pozzo Currone Un finanziamento europeo, di qualche anno fa, ha...
Read More...

Operazione “The end”

L’Amministrazione comunale paternese esprime soddisfazione per la sentenza dell’operazione “The...
Read More...

IN CLASSE

Dantedi

Un gioco, se volete, un modo per stare insieme, anche distanti, nel nome di Dante e della poesia.
Read More...

Didattica da toccare

- Didattica è il termine con cui indichiamo la pratica dell'insegnamento. È anche il nome che...
Read More...

IN PAGINA

Quando la vita ti viene a trovare

Lucrezio, Seneca, due scrittori diversissimi, catalogati nelle distanti fazioni di stoici ed...
Read More...

Il taccuino di Bento

di John Berger La protesta non è innanzitutto un sacrificio fatto in nome di un futuro diverso e...
Read More...

Il gioco del silenzio

di Carlo Sini Più riguardo a "Il gioco del silenzio". Una grande, compatta, pulita riflessione sul...
Read More...

Il tempo è un bastardo

di John Berger Il tema non è originale: il tempo passa, e trasforma ogni cosa. Il romanzo di...
Read More...

Da a a x. Lettere di una storia

di John Berger La tensione lirica di questo libro è molto alta, berger sa unire delicatezza e...
Read More...

Congedo ordinario

di Gilberto Severini La storia di un uomo letta alla luce di un'unico costante filo conduttore,...
Read More...

La preghiera semplice di Francesco

di L. Boff - Cittadella editrice La cosiddetta Preghiera Semplice non è stata scritta da...
Read More...

Un libro, ogni tanto

Arriva il 15 agosto anche per poter leggere un libro, tutto in una volta, come si faceva un tempo....
Read More...

A cosa servono gli amori infelici?

DI G. Severini - Playground Bel libro, una scrittura solida, tranquilla, che non cerca effetti...
Read More...

La storia inizia addirittura nel 2013, quando il Comune di Paternò conferma l'impegno ad assumere ogni onere riguardante gli uffici del giudice di pace pur di mantenerne la sede a Paternò. Ogni onere significa tutte le spese di funzionamento e il personale necessario perchè l'ufficio funzioni.

Nell'estate del 2014 il ministero della giustizia chiarisce quale sarà l'iter da seguire per arrivare al passaggio dall'utilizzo del personale ministeriale a quello comunale, quindi i comuni devono individuare almeno due figure da assegnare all'ufficio del giudice di pace, che verranno formate appositamente dal ministero, con un corso che si sarebbe dovuto tenere a Catania.

Il Comune di Paternò individua le due unità di personale, che però all'avvio del corso sostengono di non potervi partecipare per motivi personali. Passa quindi qualche giorno, e le due unità vengono sostituite, con altre in possesso delle qualifiche formali richieste dalle disposizioni ministeriali.

dicembre (il 15) il Tribunale di Catania richiama definitivamente il dipendente che da anni ha svolto il ruolo di cancelliere, restando così all'ufficio soltanto il personale comunale. Il 16 dicembre il giudice di pace coordinatore dell'ufficio di Paternò trasmette al comune una nota in cui ci ribadisce la sua valutazione di inidoneità e incapacità del personale che gli è stato assegnato evidenziando peraltro che uno dei due dipendenti era assente sine die per malattia.

Il 18 dicembre il Presidente del tribunale di Catania, avendo letto la nota del giudice di pace di Paternò, ci dice: “ove l'amministrazione comunale non sia in grado di garantire stabilmente il funzionamento dell'Ufficio, vorrà comunicare con urgenza il venir meno delle condizioni che hanno determinato l'accoglimento dell'istanza di mantenimento ai fini delle conseguenti determinazioni ministeriali”. Ma l'amministrazione comunale ha provveduto, l'8 gennaio, all'assegnazione di una nuova unità di personale che potrà garantire il funzionamento dell'ufficio.

Forse la ricostruzione sarà stata un po' noiosa, ma la vita reale lo è un poco, mentre la polemica gratis e l'invettiva è divertente, frizzante. Allora, le bollicine: in tutto questo, si può capire che ruolo abbiano avuto altri soggetti, oltre al comune e il ministero della giustizia, tirati in ballo in questi giorni? In che senso avremmo risolto il problema in extremis, o appena in tempo? E soprattutto in che senso ci saremmo disinteressati della vicenda?

La mia impressione è che ancora una volta in questa città il bisogno di fare polemica contro il sindaco ha prevalso sulla comprensione dei fatti. Io invece penso che per crescere Paternò ha bisogno che soprattutto coloro che hanno responsabilità dimostrino una maggiore serietà, perfino compostezza, ma forse è una questione di stile, non di politica.

PAROLE D'ORDINE

Sradicamenti immemorabili

Ovvero di come la cultura del mediterraneo si fondi su “memorie” che costruiscono identità nomadi,...
Read More...

Piazze, tribune, teatri del Mediterraneo

Piazze, tribune, teatri del Mediterraneo: dalla qualità dello spazio pubblico alla qualità della...
Read More...

Le differenze, la scuola italiana, una cosa...

In effetti ciò che sta succedendo su alcuni aspetti della riforma della scuola qualche dubbio...
Read More...

Globalizzazioni

Una volta ciò che accadeva nel mondo era importante, agitava le coscienze e perfino la lotta...
Read More...

Pazienza

Gabriella Caramore ha scritto un bel libro intitolato Pazienza, ricchissimo di spunti su molti...
Read More...

Questione morale

La questione morale. Il film di Walter Veltroni ha fatto tornare di moda Enrico Berlinguer , la...
Read More...

Cittàteatro

La città teatro, ovvero Santo Parisi, carnevale, e il grande palcoscenico. Carnevale è arrivato e...
Read More...

La vita è là

La vita è la giovane mamma che si alza alle 4 di mattina per andare a lavorare in panificio,...
Read More...

Perfetta letizia e politica

Gli appunti del gruppo di lavoro che ho guidato ad Assisi, il 2 novembre, all'interno del convegno...
Read More...

se ha bisogno di ulteriori informazioni, sentiti libero di contattarmi

Biografia

Sono nato nel 1970. Vivo a Paternò, città di cui sono stato sindaco dal 2012 al 2017. Laureato in lettere classiche, insegnante per molti anni (un lavoro bellissimo), adesso dirigente scolastico.
Ho iniziato il mio impegno ecclesiale nei gruppi francescani, di cui ancora faccio parte, quello politico nella Rete, negli anni '90, insieme a quella generazione di siciliani che si è persuasa di riuscire ad assistere alla fine della Mafia, e perfino di contribuirvi. Lo penso ancora.
Mauro Mangano

Ultimi articoli

Dantedi

Un gioco, se volete, un...

Didattica da toccare

- Didattica è il...

Sradicamenti immemorabili

Ovvero di come la...