Dantedi

Un gioco, se volete, un...

Didattica da toccare

- Didattica è il...

Sradicamenti immemorabili

Ovvero di come la...

Quando la vita ti viene a trovare

Lucrezio, Seneca, due...

Il virus della rimozione covid-3 (o come non...

- Il virus della...

IN VIA

Il virus della rimozione covid-3 (o come non...

- Il virus della rimozione. Credo appartenga allo stesso ceppo del virus del fatalismo, ma è più...
Read More...

Il virus della sopravvivenza covid-2 (o come il...

- Chiusi a casa, regrediti psicologicamente nel grembo domestico, con una vaga sindrome da...
Read More...

Il Virus del fatalismo - covid-1 (o come...

- La rivelazione del fatalismo. È riassunta nella diffusione della frase “Andrà tutto bene”. Una...
Read More...

Il virus rivelatore - covid-0 (o come il virus...

- L'esplosione della pandemia del virus covid-19 è un evento drammatico ed epocale. Uno di quei...
Read More...

Autonomia differenziata, regionalizzazione...

NAPOLI, 8 NOVEMBRE 2019 L’esame delle proposte di intesa sull’autonomia differenziata riguardo la...
Read More...

Scelte

Federazione dei Verdi L'impegno politico è una parte indissolubile della mia vita quotidiana, lo è...
Read More...

Accogliere è crescere

Ho letto su alcuni organi di informazione che a Paternò dovrebbe essere aperto un centro di...
Read More...

Pozzo Currone

Riqualificata la zona mercatale di Pozzo Currone Un finanziamento europeo, di qualche anno fa, ha...
Read More...

Operazione “The end”

L’Amministrazione comunale paternese esprime soddisfazione per la sentenza dell’operazione “The...
Read More...

IN CLASSE

Dantedi

Un gioco, se volete, un modo per stare insieme, anche distanti, nel nome di Dante e della poesia.
Read More...

Didattica da toccare

- Didattica è il termine con cui indichiamo la pratica dell'insegnamento. È anche il nome che...
Read More...

IN PAGINA

Quando la vita ti viene a trovare

Lucrezio, Seneca, due scrittori diversissimi, catalogati nelle distanti fazioni di stoici ed...
Read More...

Il taccuino di Bento

di John Berger La protesta non è innanzitutto un sacrificio fatto in nome di un futuro diverso e...
Read More...

Il gioco del silenzio

di Carlo Sini Più riguardo a "Il gioco del silenzio". Una grande, compatta, pulita riflessione sul...
Read More...

Il tempo è un bastardo

di John Berger Il tema non è originale: il tempo passa, e trasforma ogni cosa. Il romanzo di...
Read More...

Da a a x. Lettere di una storia

di John Berger La tensione lirica di questo libro è molto alta, berger sa unire delicatezza e...
Read More...

Congedo ordinario

di Gilberto Severini La storia di un uomo letta alla luce di un'unico costante filo conduttore,...
Read More...

La preghiera semplice di Francesco

di L. Boff - Cittadella editrice La cosiddetta Preghiera Semplice non è stata scritta da...
Read More...

Un libro, ogni tanto

Arriva il 15 agosto anche per poter leggere un libro, tutto in una volta, come si faceva un tempo....
Read More...

A cosa servono gli amori infelici?

DI G. Severini - Playground Bel libro, una scrittura solida, tranquilla, che non cerca effetti...
Read More...

Messa del 5 dicembre 2014

Cara Santa Barbara,

tu conosci i nostri timori e sai che viviamo un tempo incerto, che le nostre mille paure ci rendono il cuore pesante. Non è facile, Barbara, trovare la forza, nella lotta quotidiana, della fiducia contro la sfiducia, della speranza contro la rassegnazione, della solidarietà contro l'egoismo, del noi contro l'io.

Abbiamo un enorme bisogno di appoggiarci ad una forza più grande. Tu lo sai quante volte la nostra mente si smarrisce, e soprattutto quante volte il nostro cuore si chiude e le paure, il disagio, la tristezza, ostacolano perfino i rapporti umani, indeboliscono le nostre relazioni, disgregano le nostre famiglie. Tu lo sai quante volte il nostro sguardo verso il vicino è più di diffidenza o di rabbia che non di comprensione, di dialogo. E sai anche quanto bisogno abbiamo di sentirci meno soli, di poterci fidare di chi ci vive accanto, di chi condivide con noi un'abitazione, il quartiere, un luogo di lavoro. Insomma lo sai che ci serve la forza della Fede per dare energia alla voglia di vita, di comunità, di futuro.

Abbiamo bisogno di questa forza più grande per tornare a far vincere la vita, anche quando la morte bussa alla porta dei nostri cuori, ci strappa i nostri giovani su strade maledette, risuona col fuoco delle armi della mafia, come tanto tempo fa, di nuovo.

Quando più difficile è trovare la ragione della speranza, quando il dolore non possiamo capirlo, ci aggrappiamo al tuo coraggio, alla tua protezione e soprattutto al tuo esempio.

Così, Barbara, tu fai che le nostre paure non diventino mai disperazione, nè rassegnazione. Dal tuo esempio sappiamo che non c'è minaccia contro cui vale la pena arrendersi, non c'è debolezza umana che non si possa trasformare in grandezza, se ha l'umiltà di chiedere il sostegno della fede, di farsi sorreggere dalla prospettiva della giustizia e della salvezza.

Così, Barbara, le nostre paure non ci abbandoneranno, ma non ci vinceranno, perchè nel corpo e nel cuore di una città vivono anche i piccoli profeti della speranza, pregandoti, apriamo gli occhi a questa luce, e vediamo i segni del bene.

Sono i tanti volontari che senza bisogno di pronunciare discorsi parlano la lingua della solidarietà, verso gli stranieri, verso le persone sole, verso i bambini, gli anziani o i disabili e le loro famiglie, verso tutti i deboli.

Vediamo i segni di speranza che sono i nostri giovani che raggiungono traguardi importanti nello studio, nella professione, nello sport, nell'arte, mettendo a frutto le loro capacità e tanto impegno.

Vediamo genitori che lottano perchè la parola famiglia abbia un profumo, un calore, sia ricca e tenera come un seme pronto a schiudersi.

I segni della vita e della speranza, per una città, sono piccoli gesti, decisivi:

dei giovani che alzano la saracinesca di una nuova attività imprenditoriale, decidono di restare a lavorare a Paternò, un imprenditore che con coraggio denuncia i suoi estorsori, una giovane donna che ha il coraggio di difendere la vita dei suoi figli, già nati e in arrivo, e la sua, denunciando la violenza dell'uomo che un amore malato, sbagliato, le ha messo accanto.

Abbiamo aperto gli occhi e abbiamo visto quello stupendo, grandioso segno di speranza che è stato, per tutti noi, il dono grande dell'abbraccio, forte e discreto come lui,di Padre Salvatore Magrì.

E segni della vita e della speranza sono il nostro Castello e le Salinelle non più chiusi, né segno di degrado ed abbandono, ma finalmente invasi dai loro legittimi fruitori, i bambini ed i ragazzi di Paternò, oltre che da turisti e da visitatori provenienti da ovunque.

E segni della vita e della speranza sono le nostre piazze animate dai giovani e non più deserte. E non è stato un segno di speranza vedere questa tua, nostra casa piena, pienissima, di ragazzi e bambini all'apertura dell'anno scolastico, attorno alla reliquia di San Giovanni Paolo II, giorno di festa, di preghiera, di impegno?

Gli spazi che useremo per il centro di aggregazione giovanile e per il centro diurno per disabili, non sono segni di speranza, e la costruzione di una chiesa in un quartiere grande come quello di Scala Vecchia?

Ti prego, dunque, Santa Barbara, che apri i nostri occhi alla luce della speranza, dacci la forza dell'impegno, dell'unità, della costanza, perchè forse non è facile, non è subito, non è perfetto, ma è bello, costruire. Bello come te, come la nostra Paternò.

W S. Barbara.

01_2014_12_05_in_via_mauro_mangan
02_2014_12_05_in_via_mauro_mangan
03_2014_12_05_in_via_mauro_mangan
04_2014_12_05_in_via_mauro_mangan

PAROLE D'ORDINE

Sradicamenti immemorabili

Ovvero di come la cultura del mediterraneo si fondi su “memorie” che costruiscono identità nomadi,...
Read More...

Piazze, tribune, teatri del Mediterraneo

Piazze, tribune, teatri del Mediterraneo: dalla qualità dello spazio pubblico alla qualità della...
Read More...

Le differenze, la scuola italiana, una cosa...

In effetti ciò che sta succedendo su alcuni aspetti della riforma della scuola qualche dubbio...
Read More...

Globalizzazioni

Una volta ciò che accadeva nel mondo era importante, agitava le coscienze e perfino la lotta...
Read More...

Pazienza

Gabriella Caramore ha scritto un bel libro intitolato Pazienza, ricchissimo di spunti su molti...
Read More...

Questione morale

La questione morale. Il film di Walter Veltroni ha fatto tornare di moda Enrico Berlinguer , la...
Read More...

Cittàteatro

La città teatro, ovvero Santo Parisi, carnevale, e il grande palcoscenico. Carnevale è arrivato e...
Read More...

La vita è là

La vita è la giovane mamma che si alza alle 4 di mattina per andare a lavorare in panificio,...
Read More...

Perfetta letizia e politica

Gli appunti del gruppo di lavoro che ho guidato ad Assisi, il 2 novembre, all'interno del convegno...
Read More...

se ha bisogno di ulteriori informazioni, sentiti libero di contattarmi

Biografia

Sono nato nel 1970. Vivo a Paternò, città di cui sono stato sindaco dal 2012 al 2017. Laureato in lettere classiche, insegnante per molti anni (un lavoro bellissimo), adesso dirigente scolastico.
Ho iniziato il mio impegno ecclesiale nei gruppi francescani, di cui ancora faccio parte, quello politico nella Rete, negli anni '90, insieme a quella generazione di siciliani che si è persuasa di riuscire ad assistere alla fine della Mafia, e perfino di contribuirvi. Lo penso ancora.
Mauro Mangano

Ultimi articoli

Dantedi

Un gioco, se volete, un...

Didattica da toccare

- Didattica è il...

Sradicamenti immemorabili

Ovvero di come la...