Dantedi

Un gioco, se volete, un...

Didattica da toccare

- Didattica è il...

Sradicamenti immemorabili

Ovvero di come la...

Quando la vita ti viene a trovare

Lucrezio, Seneca, due...

Il virus della rimozione covid-3 (o come non...

- Il virus della...

IN VIA

Il virus della rimozione covid-3 (o come non...

- Il virus della rimozione. Credo appartenga allo stesso ceppo del virus del fatalismo, ma è più...
Read More...

Il virus della sopravvivenza covid-2 (o come il...

- Chiusi a casa, regrediti psicologicamente nel grembo domestico, con una vaga sindrome da...
Read More...

Il Virus del fatalismo - covid-1 (o come...

- La rivelazione del fatalismo. È riassunta nella diffusione della frase “Andrà tutto bene”. Una...
Read More...

Il virus rivelatore - covid-0 (o come il virus...

- L'esplosione della pandemia del virus covid-19 è un evento drammatico ed epocale. Uno di quei...
Read More...

Autonomia differenziata, regionalizzazione...

NAPOLI, 8 NOVEMBRE 2019 L’esame delle proposte di intesa sull’autonomia differenziata riguardo la...
Read More...

Scelte

Federazione dei Verdi L'impegno politico è una parte indissolubile della mia vita quotidiana, lo è...
Read More...

Accogliere è crescere

Ho letto su alcuni organi di informazione che a Paternò dovrebbe essere aperto un centro di...
Read More...

Pozzo Currone

Riqualificata la zona mercatale di Pozzo Currone Un finanziamento europeo, di qualche anno fa, ha...
Read More...

Operazione “The end”

L’Amministrazione comunale paternese esprime soddisfazione per la sentenza dell’operazione “The...
Read More...

IN CLASSE

Dantedi

Un gioco, se volete, un modo per stare insieme, anche distanti, nel nome di Dante e della poesia.
Read More...

Didattica da toccare

- Didattica è il termine con cui indichiamo la pratica dell'insegnamento. È anche il nome che...
Read More...

IN PAGINA

Quando la vita ti viene a trovare

Lucrezio, Seneca, due scrittori diversissimi, catalogati nelle distanti fazioni di stoici ed...
Read More...

Il taccuino di Bento

di John Berger La protesta non è innanzitutto un sacrificio fatto in nome di un futuro diverso e...
Read More...

Il gioco del silenzio

di Carlo Sini Più riguardo a "Il gioco del silenzio". Una grande, compatta, pulita riflessione sul...
Read More...

Il tempo è un bastardo

di John Berger Il tema non è originale: il tempo passa, e trasforma ogni cosa. Il romanzo di...
Read More...

Da a a x. Lettere di una storia

di John Berger La tensione lirica di questo libro è molto alta, berger sa unire delicatezza e...
Read More...

Congedo ordinario

di Gilberto Severini La storia di un uomo letta alla luce di un'unico costante filo conduttore,...
Read More...

La preghiera semplice di Francesco

di L. Boff - Cittadella editrice La cosiddetta Preghiera Semplice non è stata scritta da...
Read More...

Un libro, ogni tanto

Arriva il 15 agosto anche per poter leggere un libro, tutto in una volta, come si faceva un tempo....
Read More...

A cosa servono gli amori infelici?

DI G. Severini - Playground Bel libro, una scrittura solida, tranquilla, che non cerca effetti...
Read More...

Liberi Consorzi o Città Metropolitane? Sviluppo possibile.

Sono passati sei mesi da quando l'assemblea regionale ha votato la legge con cui si riformavano le vecchie provincie. La legge prevede che i comuni siano riuniti, in Sicilia, in due tipi di organizzazioni: i liberi consorzi o le città metropolitane. Precisamente la legge dichiara Palermo, Catania e Messina città metropolitane, e i loro confini coinciderebbero con quelli che nel 1995 furono individuati da un decreto del presidente della regione siciliana.

La legge assegna ai comuni la possibilità di scegliere se staccarsi dal libero consorzio di appartenenza (che in partenza coincide con la vecchia provincia) o di staccarsi dalla città metropolitana. In pratica Paternò secondo la legge apparterrebbe alla città metropolitana di Catania, potrebbe separarsene per confluire in un libero consorzio che racchiuderebbe tutti gli altri comuni dell'ex provincia di Catania. In pratica mentre all'inizio sembrò che questa legge avrebbe permesso di riorganizzare i territori creando unioni territoriali più omogenee, legate da forti affinità economiche, sociali, ambientali, alla fine abbiamo capito che non era affatto così, e la legge conteneva così tante clausole e restrizioni che era impossibile creare dei liberi consorzi nuovi.

Dopo avere esaminato la legge, molti sindaci abbiamo proposto alla Regione di modificare la legge attuale, per adeguarla alla Legge Delrio, che intanto nel resto d'Italia ha trattato lo stesso argomento ma in un modo diverso. Non mi dilungo a descrivere le caratteristiche tecniche che rendono la legge Delrio certamente migliore della nostra legge regionale, ma voglio soffermarmi su un aspetto del dibattito di questi mesi che riguarda nello specifico la Città di Paternò.

In un primo momento ho pensato che l'istituzione di un consorzio di comuni legati dal Simeto e dall'Etna sarebbe stata una vera svolta storica positiva, e di fatti ne sono ancora convinto, però non è con questa legge che si potrà raggiungere questo obiettivo. Allora giova riflettere cosa significa essere all'interno della città metropolitana.

Il legame tra Paternò e Catania è fortissimo, la velocità dei collegamenti ci permette di raggiungere qualunque zona della città in mezz'ora al massimo, ed è lo stesso elemento che ci nuoce quando servizi importanti non vengono più collocati a Paternò, essendo presenti a Catania. Si tratta allora di rileggersi in un modo un po' più moderno, cioè senza far diventare Catania il magnete che ci sottrae ogni ricchezza ma nemmeno pretendo di darci un'immagine di città rurale, interna e provinciale che non ci appartiene più.

Allora dobbiamo dirci che siamo certamente, di fatto, dentro l'area metropolitana di Catania, ma nella posizione di cerniera con le zone interne, abbiamo un potenziale straordinario di sviluppo in alcune direzioni:

merci e prodotti della filiera agricola e dell'artigianato, passano da Paternò per raggiungere Catania, il porto, la stazione, l'aeroporto;

la stessa cosa fanno le persone, siano esse turisti o imprenditori, siano in Sicilia per svago o lavoro, possono vedere nella nostra città un punto di riferimento che data la facilità di collegamento con Catania, con l'autostrada e con le vie di collegamento per il versante dell'Etna che tocca Bronte e Randazzo può benissimo diventare un luogo importante per ospitare servizi di ricettività;

commercio e terziario collocati a Paternò possono tranquillamente servire un potenziale bacino di centinaia di migliaia di persone, grazie alla posizione centrale della nostra città sia rispetto alla popolazione dell'area metropolitana che alla popolazione delle zone più interne.

Per potenziare alcune delle linee di sviluppo di cui ho parlato, dobbiamo insistere con forza sulla realizzazione della metropolitana leggera che colleghi Paternò alla tratta già esistente a Catania, sostenere i progetti di strutture ricettive che possono sorgere nel nostro territorio, ma anche di aree commerciali che siano pensate per attrarre clienti da fuori città e non per sottrarre al commercio esistente i pochi clienti ancora capaci o intenzionati a spendere qualcosa, puntare sull'allocazione nella nostra città di servizi attrattivi, cioè che attirino utenza esterna, e non doppioni della città.

Non è difficile, seguire la strada cui accenno in queste righe, perchè già adesso parte di questo processo è in corso, lo dimostra la creazione in città di locali che attirano un pubblico che viene anche da fuori Paternò, o la presenza di sportivi che vengono da altre città per utilizzare i nostri impianti. Perciò stiamo lavorando adesso sul sostegno ai giovani che vogliono creare imprese e stiamo incoraggiando imprenditori che stanno investendo sul turismo nella nostra città. È possibile, anzi è realtà, e come sempre c'è chi sta lavorando perchè la realtà si avveri, e bene, e chi sta aspettando.

PAROLE D'ORDINE

Sradicamenti immemorabili

Ovvero di come la cultura del mediterraneo si fondi su “memorie” che costruiscono identità nomadi,...
Read More...

Piazze, tribune, teatri del Mediterraneo

Piazze, tribune, teatri del Mediterraneo: dalla qualità dello spazio pubblico alla qualità della...
Read More...

Le differenze, la scuola italiana, una cosa...

In effetti ciò che sta succedendo su alcuni aspetti della riforma della scuola qualche dubbio...
Read More...

Globalizzazioni

Una volta ciò che accadeva nel mondo era importante, agitava le coscienze e perfino la lotta...
Read More...

Pazienza

Gabriella Caramore ha scritto un bel libro intitolato Pazienza, ricchissimo di spunti su molti...
Read More...

Questione morale

La questione morale. Il film di Walter Veltroni ha fatto tornare di moda Enrico Berlinguer , la...
Read More...

Cittàteatro

La città teatro, ovvero Santo Parisi, carnevale, e il grande palcoscenico. Carnevale è arrivato e...
Read More...

La vita è là

La vita è la giovane mamma che si alza alle 4 di mattina per andare a lavorare in panificio,...
Read More...

Perfetta letizia e politica

Gli appunti del gruppo di lavoro che ho guidato ad Assisi, il 2 novembre, all'interno del convegno...
Read More...

se ha bisogno di ulteriori informazioni, sentiti libero di contattarmi

Biografia

Sono nato nel 1970. Vivo a Paternò, città di cui sono stato sindaco dal 2012 al 2017. Laureato in lettere classiche, insegnante per molti anni (un lavoro bellissimo), adesso dirigente scolastico.
Ho iniziato il mio impegno ecclesiale nei gruppi francescani, di cui ancora faccio parte, quello politico nella Rete, negli anni '90, insieme a quella generazione di siciliani che si è persuasa di riuscire ad assistere alla fine della Mafia, e perfino di contribuirvi. Lo penso ancora.
Mauro Mangano

Ultimi articoli

Dantedi

Un gioco, se volete, un...

Didattica da toccare

- Didattica è il...

Sradicamenti immemorabili

Ovvero di come la...