Rassegna stampa | 7 al 13 Luglio 2014

Vota questo articolo
(0 Voti)
Rassegna stampa | 7 al 13 Luglio 2014

Un doppio, importantissimo traguardo, è stato segnato nel cammino dell’Amministrazione comunale: le Salinelle, per anni piagate dal fenomeno dello scarico abusivo di rifiuti, sono state ripulite e dotate di un sistema di videosorveglianza, con ben 8 telecamere che controlleranno l’area del sito naturalistico, segnalando eventuali trasgressori alla Polizia Municipale, con il cui comando sono collegate tramite rete wireless. Un successo di straordinaria rilevanza, che si accompagna alla ripulitura, ormai ultimata, delle micro-discariche presenti in altre aree della città, come via dell’Unità d’Italia e corso Marco Polo.  

A tutto ciò si accompagnano i posti di blocco effettuati da parte dei Vigili Urbani, che in questi giorni hanno controllato 150 veicoli ed elevato circa 40 verbali nei confronti di cittadini sorpresi a trasportare rifiuti indifferenziati sui propri autoveicoli, contravvenendo al divieto sancito dal nuovo regolamento comunale in materia, approvato di recente dal sindaco.

Le altre notizie di questa settimana:

  • Paternò, riapre lo sportello universitario.

    Rinnovata la convenzione fra Comune ed Ateneo catanese, per il front-office che fornirà informazioni agli studenti che vivono a Paternò e nei territori limitrofi.

  • Scuole: martedì consegna dei lavori al plesso centrale del I Circolo.

    Gli interventi puntano alla messa in sicurezza e al miglioramento sismico delle strutture.

Continua per saperne di più su queste ed altre notizie…

Buona lettura!

 07 luglio

Ennesimo raid al plesso Falconieri di Paternò.

Il sindaco Mangano: «Per la scuola servono soluzioni definitive».

L’ennesimo raid si è compiuto ai danni del plesso “Falconieri” dell’istituto comprensivo “G. Marconi”, a Paternò.

falconieri esternoAd essere presa di mira, ancora una volta, l’ala che ospita le quattro classi della scuola dell’infanzia, dove questa notte ignoti si sono introdotti, aprendo una breccia nel muro in corrispondenza dei servizi igienici. I ladri hanno portato via il resto della tubazione esterna dei termosifoni, sopravvissuta ai precedenti attacchi, rubando anche alcuni pannelli dei caloriferi, nonché una cucina ed un frigorifero.

«Non ci sono parole per condannare l’ennesimo atto di spregio nei confronti della scuola che si è consumato nella nostra città – commenta il sindaco di Paternò, Mauro Mangano -. Nei prossimi giorni incontreremo il dirigente scolastico per concordare gli interventi da mettere in atto per evitare che si ripetano fatti di questo genere. La scuola Marconi – continua Mangano – ha fatto richiesta e si è aggiudicata un finanziamento da parte del Ministero, con un progetto esecutivo realizzato dal Comune, per rifare l’ala dell’istituto più volte presa di mira dai ladri. Se ciò si renderà necessario, l’Ente provvederà ad integrare le somme con fondi propri. Per il plesso Falconieri occorrono interventi definitivi, inutile continuare con soluzioni tampone».

«I bambini della scuola dell’infanzia verranno spostati nel plesso centrale dell’istituto Marconi – afferma l’assessore alla Pubblica istruzione, Flavia Indaco -, nel frattempo il Comune continuerà a stare al fianco della scuola, integrando, se necessario, i fondi erogati dal Ministero con interventi volti  a rendere la scuola più sicura».


08 luglio

Paternò, riapre lo sportello universitario.

Rinnovata la convenzione fra Comune ed Ateneo catanese, per il front-office che fornirà informazioni agli studenti che vivono a Paternò e nei territori limitrofi.

Una buona notizia per gli studenti universitari che vivono a Paternò e nei territori limitrofi. A più di due anni dalla sua scadenza è stata infatti rinnovata la convenzione fra il Comune di Paternò e l’Ateneo di Catania per il ripristino del servizio di front-office per le informazioni agli studenti universitari.

Lo sportello è già attivo presso l’Ufficio Relazioni con il Pubblico, di fronte all’ufficio anagrafe, nei locali antistanti al Palazzo Comunale. Presso il front-office, il cui responsabile è l’insegnante Giuseppe Caruso, si potranno sia ricevere indicazioni su come immatricolarsi ed iscriversi ai corsi di laurea dell’università di Catania, che reperire opuscoli informativi per l’orientamento e la scelta fra i vari percorsi di studio esistenti. L’ufficio fornirà altresì informazioni in merito a borse di studio, attività lavorative part-time da svolgere presso le strutture universitarie, sussidi straordinari per gli studenti bisognosi, contributi per il progetto Erasmus e rimborsi per i trasporti tramite la Ferrovia Circumetnea.

Lo sportello universitario decentrato sarà aperto, nei mesi estivi, da lunedì a venerdì dalle ore 09 alle ore 13; dal 30 settembre all’orario mattutino si aggiungerà il rientro pomeridiano del martedì, dalle ore 16 alle ore 18.

«Il nostro Comune è fra i primi, nel territorio, ad aver rinnovato la convenzione con l’Università di Catania per ripristinare lo sportello decentrato – evidenzia il sindaco di Paternò, Mauro Mangano – che rappresenta uno strumento importante ed utile per i giovani, paternesi e non solo, che studiano presso l’ateneo catanese ma continuano ad abitare nelle città d’origine».


Il sindaco Mangano e la Giunta paternese esprimono solidarietà al primo cittadino di Adrano.

«Apprendiamo con indignazione la notizia dell’atto compiuto ai danni del sindaco di Adrano, Pippo Ferrante – afferma il primo cittadino di Paternò, Mauro Mangano – ed esprimiamo, nei suoi confronti, tutta la nostra solidarietà e vicinanza.  Ciò che è accaduto stanotte, indipendentemente dalla motivazione,  rappresenta l’ennesimo attacco a chi lavora giorno dopo giorno  per la propria città, esponendosi ai pericoli di un territorio dove purtroppo la criminalità non esita a mostrare il suo lato più violento».


09 luglio

Organizzazione degli uffici comunali, cambiamenti in arrivo.

Il Comune di Paternò è al lavoro, in questi giorni, sulle questioni che riguardano l’organizzazione degli uffici e dei locali che li ospitano.

Sono state affrontate, in modo particolare, le situazioni che riguardano il posto del corpo della Polizia Municipale, sito all'ingresso del palazzo comunale e quella degli uffici dell’economato, al nono piano, che sono stati sgomberati dai dipendenti perché inagibili.

E su tali questioni interviene il primo cittadino, Mauro Mangano, che evidenzia: «Per quanto riguarda i locali che ospitano i Vigili Urbani, riteniamo che ciò che è veramente importante non è tanto il luogo che essi occupano per svolgere la propria attività, bensì l’organizzazione del lavoro stesso degli agenti, che oggi deve necessariamente cambiare, tenendo conto del ridotto numero di uomini a disposizione.  Di questo abbiamo discusso con il comandante Antonio La Spina – continua Mangano –, occorre più flessibilità per adattarsi alle esigenze imposte dalla scarsa disponibilità di vigili».

«Purtroppo – aggiunge Mangano -  sul versante sicurezza abbiamo trovato un comune davvero all'anno zero. Ricominciando daccapo, nel solco della normativa, in due anni abbiamo affrontato e risolto alcuni problemi che per anni erano stati ignorati. Ad esempio – continua Mangano – abbiamo consegnato agli operai della manutenzione gli apparati di sicurezza, e abbiamo provveduto alla nomina di un responsabile della sicurezza per il comune, che sta finalmente svolgendo in modo efficace questo ruolo, e abbiamo organizzato dei corsi in materia per i nostri dipendenti. Episodi come il malfunzionamento dell'ascensore di alcune settimane fa sono l'esempio delle condizioni strutturali in cui è stato ridotto il comune in anni di abbandono. Ora il tema della sicurezza si incrocia con un altro argomento, su cui l'amministrazione vuole impegnarsi, cioè quello della organizzazione degli uffici. Perciò – conclude il sindaco di Paternò - stiamo predisponendo lo spostamento di diversi uffici, alcuni all'interno del complesso di zona Ardizzone, ed altri, invece, in locali comunali più centrali».


10 luglio

Le Salinelle di Paternò libere dai rifiuti e dotate di videosorveglianza.

Si è concretizzato il progetto della Giunta Mangano per dire addio alle micro-discariche nell’area del sito naturalistico.

Dopo settimane di lavoro, finalmente il risultato. L’area delle Salinelle di Paternò, interessata, com’è noto, da un intenso fenomeno di scarico abusivo di rifiuti, è stata sgomberata dai tanti cumuli di immondizia e dotata di telecamere di videosorveglianza, collegate tramite rete wireless con il comando della Polizia Municipale, per scoraggiare, ed eventualmente punire, chi si ostina a gettare la spazzatura nei pressi del sito naturalistico.

Si concretizza così il progetto dell’Amministrazione paternese, che mirava a trovare una soluzione duratura all’annoso problema delle micro-discariche nella zona dei vulcanetti di fango.

immagini salinelle velodromoSono otto, in tutto, le videocamere installate, distribuite in quattro punti strategici, al fine di garantire una sorveglianza quanto più ampia possibile della zona. Esse si trovano infatti davanti al velodromo, in corrispondenza del varco che attualmente chiude l’ingresso di via dello Stadio,  nei pressi di via Fonte Maimonide; poco più avanti altri dispositivi, all’incrocio fra via dello Stadio e via Acque Grasse; ancora telecamere su via dei Coralli, dove i dispositivi sono stati montati in due punti:   in corrispondenza dell’intersezione con via Acque Grasse e nei pressi della rotonda su cui confluisce via dei Mulini.

 Le videocamere sono tutte ad alta risoluzione e dotate di visione notturna, in grado di identificare le targhe delle auto, alcune di esse sono motorizzate, per consentire una visione a 360 gradi. La loro disposizione fa inoltre sì che oltre alle Salinelle possa essere controllato anche il velodromo, che di recente la Provincia di Catania, dopo un’operazione di pulizia e messa in sicurezza, ha restituito al Comune paternese.

Con il completamento dei lavori d’installazione delle telecamere, all’inizio della prossima settimana verranno rimossi i varchi che attualmente chiudono via dello Stadio e via Acque Grasse, che com’è noto nelle scorse settimane erano stati posti per scoraggiare lo scarico dei rifiuti.

«Con la bonifica delle Salinelle e del velodromo abbiamo compiuto un importantissimo passo in avanti verso la valorizzazione di quest’area – afferma l’assessore allo Sport, Alessandro Cavallaro -. Ci auguriamo che da questo momento le Salinelle diventino un motivo d’orgoglio per i paternesi, e non più di vergogna, un’area dove si possano portare i turisti ad ammirare la bellezza del fenomeno dei vulcanetti, che rende il nostro territorio unico nel suo genere».

«C’è grande impegno, da parte di questa Amministrazione, a risolvere i problemi legati all’abbandono improprio dei rifiuti – afferma il sindaco di Paternò, Mauro Mangano -; come ho più volte ribadito, abbiamo proceduto per gradi, garantendo prima un servizio di raccolta efficiente e poi liberando le periferie cittadine dalle micro-discariche, inasprendo nel contempo i controlli e le sanzioni contro chi sporca. Un lavoro costante e non facile, ma che adesso comincia a produrre dei risultati ben visibili a tutti, che ci rendono orgogliosi».


12 luglio

Abbandono dei rifiuti, continuano a Paternò i controlli dei Vigili.

Circa 40 i verbali elevati, con le operazioni concentrate soprattutto nelle periferie.

Continuano le azioni di controllo e repressione portate avanti, di concerto con l’Amministrazione, dai Vigili Urbani di Paternò, a seguito dell’ordinanza sindacale,  approvata nei giorni scorsi, che inasprisce le sanzioni amministrative per chi abbandona i rifiuti in modo improprio.

salinelleLe operazioni, coordinate dall’Ispettore della Polizia Municipale paternese, Giuseppe Consalvo, hanno portato, in circa 5 giorni di servizio, al controllo di 150 auto e all’elevazione di circa 40 verbali, la maggior parte dei quali nei confronti di cittadini sorpresi a trasportare, sui propri autoveicoli, rifiuti indifferenziati, operazione vietata e sanzionata secondo il nuovo regolamento approvato dal sindaco.

E oltre al verbale, l’utente multato, attraverso apposita modulistica, viene obbligato a conferire il rifiuto presso isola ecologica (nel caso sia già differenziato) o presso il centro di raccolta Dusty.

Le operazioni di controllo si sono concentrate principalmente nelle aree periferiche più interessate dal fenomeno delle micro-discariche, con in testa i quartieri Salinelle – Acque Grasse e Scala Vecchia, nelle fasce orarie ritenute più critiche, ovvero nelle prime ore del mattino, nelle ore centrali della giornata e poi dal tardo pomeriggio fino a sera inoltrata. Ai controlli si sono affiancate le operazione di bonifica dei siti da parte degli operai della Dusty, che hanno provveduto a sgomberare le strade dai cumuli di immondizia.

«Il nostro obiettivo è avere una città pulita e libera dalle micro-discariche – afferma il sindaco di Paternò, Mauro Mangano –, e purtroppo per raggiungere questi traguardi siamo costretti ad adottare una linea dura, con controlli e sanzioni non più sporadici ma costanti, con l’obiettivo di educare quella parte di cittadinanza che, nonostante il servizio di raccolta funzioni ormai regolarmente, si ostina a gettare i rifiuti senza rispettare le regole previste».


Scuole: martedì consegna dei lavori al plesso centrale del I Circolo.

Gli interventi puntano alla messa in sicurezza e al miglioramento sismico delle strutture.

Continuano senza sosta i lavori nelle scuole comunali paternesi. Dopo l’avvio degli interventi presso la succursale del I Circolo didattico e la consegna dei lavori nella sede principale del II, in via Vulcano, adesso è la volta del plesso centrale del I Circolo, in via Emanuele Bellia.

I circolo sede centraleQui la consegna dei lavori è prevista per martedì mattina, 15 luglio, con gli interventi che verranno svolti grazie ad un finanziamento, pari a 420 mila euro, proveniente dal Dipartimento regionale di Protezione civile, nell’ambito degli Accordi di programma quadro. Nella sostanza, i lavori puntano alla messa in sicurezza e al miglioramento sismico delle strutture in muratura dell’edificio.

Alla consegna dei lavori saranno presenti, oltre ai funzionari degli uffici preposti e ai rappresentanti della ditta aggiudicataria dell’appalto, anche gli assessori alla Pubblica istruzione e ai Lavori pubblici del Comune di Paternò, Flavia Indaco e Carmelo Palumbo.

«In sinergia con gli uffici – commenta l’assessore Indaco –, nel giro di poche settimane stiamo procedendo a dare inizio ai lavori previsti nelle varie scuole, con l’obiettivo, come ho più volte ribadito, di completare gli interventi prima che cominci il nuovo anno scolastico».

E nel frattempo, proseguono spediti i lavori nella succursale del I Circolo didattico, in Via degli Studi, cominciati da pochi giorni. All’interno dell’edificio, si sta procedendo alla messa in sicurezza degli elementi non strutturali in tutti gli ambienti scolastici, sia interni che esterni. A questo si aggiungono la riqualificazione del pavimento del piano terra, che ospita quattro aule della scuola dell'infanzia e che verrà rivestito con parquet, la sistemazione dell'impianto elettrico e di buona parte degli infissi del primo piano. L'intervento, finanziato  anche qui dal Dipartimento regionale di Protezione civile, con una somma pari a 155 mila euro, consentirà la riqualificazione dell'edificio scolastico che attualmente ospita 12 aule suddivise fra scuola dell'infanzia e primaria.

Devi effettuare il login per inviare commenti

Mauro Mangano Sindaco

Newsletter

Devi prima registrarti per poterti iscrivere ad una newsletter.
No account yet? Register
Terms and Condition

Compila il form d'iscrizione alla newsletter. Tutti i campi contrassegnati con un asterisco (*) sono obbligatori. Inserisci un indirizzo e-mail valido. Riceverai un messaggio di conferma iscrizione alla newsletter.


Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti.