Dantedi

Un gioco, se volete, un...

Didattica da toccare

- Didattica è il...

Sradicamenti immemorabili

Ovvero di come la...

Quando la vita ti viene a trovare

Lucrezio, Seneca, due...

Il virus della rimozione covid-3 (o come non...

- Il virus della...

IN VIA

Il virus della rimozione covid-3 (o come non...

- Il virus della rimozione. Credo appartenga allo stesso ceppo del virus del fatalismo, ma è più...
Read More...

Il virus della sopravvivenza covid-2 (o come il...

- Chiusi a casa, regrediti psicologicamente nel grembo domestico, con una vaga sindrome da...
Read More...

Il Virus del fatalismo - covid-1 (o come...

- La rivelazione del fatalismo. È riassunta nella diffusione della frase “Andrà tutto bene”. Una...
Read More...

Il virus rivelatore - covid-0 (o come il virus...

- L'esplosione della pandemia del virus covid-19 è un evento drammatico ed epocale. Uno di quei...
Read More...

Autonomia differenziata, regionalizzazione...

NAPOLI, 8 NOVEMBRE 2019 L’esame delle proposte di intesa sull’autonomia differenziata riguardo la...
Read More...

Scelte

Federazione dei Verdi L'impegno politico è una parte indissolubile della mia vita quotidiana, lo è...
Read More...

Accogliere è crescere

Ho letto su alcuni organi di informazione che a Paternò dovrebbe essere aperto un centro di...
Read More...

Pozzo Currone

Riqualificata la zona mercatale di Pozzo Currone Un finanziamento europeo, di qualche anno fa, ha...
Read More...

Operazione “The end”

L’Amministrazione comunale paternese esprime soddisfazione per la sentenza dell’operazione “The...
Read More...

IN CLASSE

Dantedi

Un gioco, se volete, un modo per stare insieme, anche distanti, nel nome di Dante e della poesia.
Read More...

Didattica da toccare

- Didattica è il termine con cui indichiamo la pratica dell'insegnamento. È anche il nome che...
Read More...

IN PAGINA

Quando la vita ti viene a trovare

Lucrezio, Seneca, due scrittori diversissimi, catalogati nelle distanti fazioni di stoici ed...
Read More...

Il taccuino di Bento

di John Berger La protesta non è innanzitutto un sacrificio fatto in nome di un futuro diverso e...
Read More...

Il gioco del silenzio

di Carlo Sini Più riguardo a "Il gioco del silenzio". Una grande, compatta, pulita riflessione sul...
Read More...

Il tempo è un bastardo

di John Berger Il tema non è originale: il tempo passa, e trasforma ogni cosa. Il romanzo di...
Read More...

Da a a x. Lettere di una storia

di John Berger La tensione lirica di questo libro è molto alta, berger sa unire delicatezza e...
Read More...

Congedo ordinario

di Gilberto Severini La storia di un uomo letta alla luce di un'unico costante filo conduttore,...
Read More...

La preghiera semplice di Francesco

di L. Boff - Cittadella editrice La cosiddetta Preghiera Semplice non è stata scritta da...
Read More...

Un libro, ogni tanto

Arriva il 15 agosto anche per poter leggere un libro, tutto in una volta, come si faceva un tempo....
Read More...

A cosa servono gli amori infelici?

DI G. Severini - Playground Bel libro, una scrittura solida, tranquilla, che non cerca effetti...
Read More...

Oltre le cose. Cosa diventerà...

Il percorso di un'amministrazione si giudica, di certo, dai risultati. Ma il valore di un'amministrazione si giudica dalla capacità di progettare, guardare oltre i singoli fatti, avere una prospettiva che rende ogni passo il tratto di un cammino, e non solo un bell'episodio.

Finita la sistemazione della via Vittorio Emanuele. Il risultato è un fatto, ma il progetto è oltre il fatto. Se il giudizio dovesse essere sull'opera, anche il lavoro fatto prima era molto bello, ma non era sorretto da alcuna idea, non mirava ad uno sviluppo della via che potesse essere davvero perseguito.

Il lavoro che abbiamo realizzato adesso risponde ad un disegno, che parte dall'attuazione di un metodo e disegna un traguardo. Il metodo è il confronto, la verifica dei problemi con i cittadini, la valutazione delle soluzioni fatta insieme. In questo caso il dialogo più fitto è stato con i commercianti, quelli rimasti, che da anni vivono la strada, interpretano le esigenze dei cittadini, anche quando non sono perfettamente condivisibili. Non si trasformano le abitudini e le culture negandole, o giudicandole, ma interpretandole per modificarle.

Così l'arredo ha tenuto conto dell'esigenza del transito veicolare, ed anche di un minimo di parcheggio, regolato e a tempo.

Ma dopo il confronto c'è il traguardo. Il traguardo è quello che la via Vittorio Emanuele può diventare, a breve. Cioè una strada di nuovo centrale nelle abitudini di vita dei paternesi, con le botteghe di nuovo occupate da attività, ma che non possono essere più quelle di una volta. Quindi lo scopo che ci prefiggiamo, e nel quale è inserito il lavoro fatto adesso, è quello di far diventare la via Vittorio Emanuele un luogo vissuto da fasce di popolazioni di tutte le età, in cui vi siano attività commerciali o di servizi adeguate alla via principale di una città di 50.000 abitanti.

Il traguardo è raggiungibile, personalmente lo vedo già, e credo che sarà visibile anche ai paternesi, entro pochi mesi. Ed ovviamente il lavoro di recupero del tratto “basso” della via principale non è nemmeno un intervento isolato, ma diventa il tassello di un riordino graduale del centro, che allargherà piano piano la vitalità commerciale fino a cucirsi con zone che oggi sono già marginali, come piazza S.Antonio verso sud, ma anche via Strano e le “Palme” in altra direzione.

Un progetto di sviluppo e ripresa per Paternò che stiamo costruendo pezzetto a pezzetto, mentre l'impazienza dei più chiede di “vedere” cose. A nulla servirebbero (ammesso si potessero fare più in fretta) senza la visione del futuro in cui queste cose sono inserito.

Intanto l'avanzare delle norme tecniche d'attuazione renderà più semplice, entro un anno circa, fare interventi di trasformazione sugli edifici privati nella vasta zona A della città, quella che per molti anni è stata il centro storico, intoccabile.

Per dare un segno di come questo metodo (confronto e traguardo) sia IL METODO che vogliamo usare per trasformare la città, ci possiamo spostare un po' a nord, nell'area di Currone. Anche là stiamo avviando un progetto di qualificazione dell'area, ma nel frattempo lanciamo un bando di manifestazione pubblica per confrontarci con ipotesi di gestione dell'area, con l'immobile e gli stand che stiamo rendendo fruibili, per rendere quest'opera non solo un bell'oggetto, ma un'occasione di lavoro in più, ed una spinta a quell'economia che già esiste a Currone, da anni, e resiste, sotto i colpi della crisi anch'essa.

E potrei continuare con le Salinelle, dove già “vediamo” la prospettiva di una fruizione totalmente nuova grazie agli atti concreti che nelle prossime settimane daranno i loro frutti.

Una città che ricuciamo a poco a poco, che sembra riprendere vita piano piano come un corpo a lungo inerte, ma che deve ricevere la vita dentro di sé, perchè il risveglio sia duraturo e non finto, invece ancora in tanti, sbagliando, sognano che qualcuno la prenda di forza e se la carichi in spalla.  

PAROLE D'ORDINE

Sradicamenti immemorabili

Ovvero di come la cultura del mediterraneo si fondi su “memorie” che costruiscono identità nomadi,...
Read More...

Piazze, tribune, teatri del Mediterraneo

Piazze, tribune, teatri del Mediterraneo: dalla qualità dello spazio pubblico alla qualità della...
Read More...

Le differenze, la scuola italiana, una cosa...

In effetti ciò che sta succedendo su alcuni aspetti della riforma della scuola qualche dubbio...
Read More...

Globalizzazioni

Una volta ciò che accadeva nel mondo era importante, agitava le coscienze e perfino la lotta...
Read More...

Pazienza

Gabriella Caramore ha scritto un bel libro intitolato Pazienza, ricchissimo di spunti su molti...
Read More...

Questione morale

La questione morale. Il film di Walter Veltroni ha fatto tornare di moda Enrico Berlinguer , la...
Read More...

Cittàteatro

La città teatro, ovvero Santo Parisi, carnevale, e il grande palcoscenico. Carnevale è arrivato e...
Read More...

La vita è là

La vita è la giovane mamma che si alza alle 4 di mattina per andare a lavorare in panificio,...
Read More...

Perfetta letizia e politica

Gli appunti del gruppo di lavoro che ho guidato ad Assisi, il 2 novembre, all'interno del convegno...
Read More...

se ha bisogno di ulteriori informazioni, sentiti libero di contattarmi

Biografia

Sono nato nel 1970. Vivo a Paternò, città di cui sono stato sindaco dal 2012 al 2017. Laureato in lettere classiche, insegnante per molti anni (un lavoro bellissimo), adesso dirigente scolastico.
Ho iniziato il mio impegno ecclesiale nei gruppi francescani, di cui ancora faccio parte, quello politico nella Rete, negli anni '90, insieme a quella generazione di siciliani che si è persuasa di riuscire ad assistere alla fine della Mafia, e perfino di contribuirvi. Lo penso ancora.
Mauro Mangano

Ultimi articoli

Dantedi

Un gioco, se volete, un...

Didattica da toccare

- Didattica è il...

Sradicamenti immemorabili

Ovvero di come la...