di W. G. Sebald. Adelphi

Una poesia limpida. Nei tre poemetti di Sebald ci sono sublimi (in senso kantiano) descrizioni della natura, c'è un ritmo del verso lungo e irregolare che consegna alla poesia tutte le sue potenzialità narrative, epiche, senza sacrificare il lirismo. Infine ci sono i colori di grandi opere della pittura rilette e svelate, e soprattutto il bianco, fosforescente, che fa da leit motiv a tutte le storie. E c'è il senso della vita come sfida al nulla o corsa verso di esso, nelle storie di tutti e tre i personaggi.

18 Lug 2013

Mauro Mangano Sindaco

Newsletter

Devi prima registrarti per poterti iscrivere ad una newsletter.
No account yet? Register
Terms and Condition

Compila il form d'iscrizione alla newsletter. Tutti i campi contrassegnati con un asterisco (*) sono obbligatori. Inserisci un indirizzo e-mail valido. Riceverai un messaggio di conferma iscrizione alla newsletter.


Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti.